Cortina: un’estate di corsa e tutta in salita

3 giorni di gare per i più allenati

di Chiara Todesco – lastampa.it, 19/06/2017

Una dietro l’altra, senza sosta: Cortina comincia la stagione estiva di corsa. Sono tre le gare di running in quota previste tra qualche giorno: la Cortina Skyrace il 22 giugno, The North Face Lavaredo Ultra Trail il 23 giugno e la Cortina Trail il 24. Tre appuntamenti per chi ha le gambe allenate e saltabecca come i camosci.

Il primo appuntamento impegna gli atleti per 20 chilometri: un percorso che parte dal centro di Cortina, in Corso Italia, e si arrampica sempre più su lungo i sentieri. Occorre avere testa e gambe perché il dislivello positivo è notevole: ben 1000 metri. Da precorrere massimo in 3 ore e mezza.

Il giorno dopo è la volta di un’altra ultra maratona delle montagne, la “The North Face Lavaredo Ultra Trail”: 119 chilometri di corsa con 5.850 metri di dislivello positivo. A questa rinomata competizione di trail running, giunta alla sua undicesima edizione, partecipano atleti da tutto il pianeta. Fatica, agonismo e spettacolo: gli ingredienti ci sono tutti. Si parte di notte, sempre dal centro di Cortina, e si percorrono sentieri che attraversano i luoghi più scenografici di tutta la zona: dal Cristallo alle Tofane, dalle Cinque Torri alle Cime di Lavaredo. I più in forma ci mettono 12 ore a tagliare il traguardo, i meno allenati hanno 30 ore di tempo a disposizione per compiere l’impresa della vita.

Sabato 24 giugno si chiude invece con la Cortina Trail, giusto per alleggerire un po’ le gambe: “solo” 48 km di percorso con un dislivello positivo di 2.600 metri.

Categorie: escursionismo, trail | Tag: , , | Lascia un commento

I piccoli eroi del 2017

Bellissimi i pargoli. Erano circa 400.

E il percorso per i più “grandicelli”, ovvero dai 7 ai 12 anni, non era stupidissimo…

IMG_20170616_143245

Categorie: mtb, video | Tag: , , , , | Lascia un commento

Spettacolare Hero 2017

Categorie: mtb, trail, video | Tag: , , , , | 1 commento

Prima della prima

È il grande giorno. Stasera saprò se la nostra famigliola sarà ancora costituita da tre persone e se mi toccherà trovarmi un nuovo moroso perché il titolare sarà perito da… “hero”.

Max torna dalla colazione.

– Giù c’era uno che era alla sua prima primissima…

– …hero? (Già, tu ne hai fatte tante, eh?)

– No, prima manifestazione! Non sapeva come si metteva il numero!

– …

– Ha detto ” ma perché ce ne sono due?”

– Ma almeno… lo sa a cosa sta andando incontro?

Ecco, a questo matto inconsapevole, ma soprattutto al mio moroso, matto consapevole perché almeno una vaga idea ce l’ha… Dedico questa.

Perché si può essere eroi anche solo per un giorno.

Categorie: mtb, trail | Tag: , , | Lascia un commento

Ti raserò l’aiuola

…waiting for #HERO

Categorie: intermezzo | Tag: , , , | Lascia un commento

Lecco, a lezione di canyoning sull’Acquaduro

Visto che la bella stagione è arrivata…

ilgiorno.it, 30/08/2016

Il canyoning è sempre più una disciplina che affascina e cresce anche nel lecchese. Tra i maggiori esperti di questo sport c’è la guida alpina Fabio Lenti che ha attrezzato alcuni dei fiumi in cui si pratica questa attività. Di fatto il canyonig consiste nel scendere i torrenti nell’acqua seguendo il tortuoso percorso scavato nella montagna.

«Diciamo che l’idea del canyoning – spiega Lenti – è più francese perché sono stati loro i primi a discendere i torrenti a livello commerciale, mentre a livello di esplorazione ci sono stati tanti speleo che l’hanno fatto e poi è diventata ludica. Come sport si è sviluppato sulle Alpi francesi per poi crescere negli ultimi 15 anni». Il canyoning, a differenza di quello che si pensa, non è considerato uno sport estremo e Lenti spiega: «Si tratta di una attività per tutti anche chi non è in formissima riesce a fare, si fa nei mesi estivi perchè l’acqua è a circa 12 gradi. Uno sport per tutti però chiaramente non si deve avere paura dell’acqua. Non è necessario essere nuotatori provetti perchè comunque la muta tiene a galla. Detto questo è un’attività divertentissima, fare i toboga, che sono scivoli naturali, fare i tuffi nelle pozze e così via è molto bello. Bisogna però conoscere i torrenti dove si pratica. Quando ci sono le guide specializzate sanno dove ci sono i sassi, la profondità delle pozze e quant’altro. Serve la massima attenzione e a quel punto è uno sport sicuro. Dove non consociamo ci caliamo prima e verifichiamo che la pozza sia libera. Se fai un torrente spesso lo consoci a memoria e puoi fare in tranquillità tutto. Farlo con una guida lo rende più divertente e alla portata di tutti».

Per poter praticare il canyoning servono attrezzature come muta in neoprene, calzari speciali antiscivolo per i sassi, imbragatura, casco, corde, zaino forato con bidoncino e alcune competenze minime come sapersi calare con la corda che si impara in pochi minuti con l’insegnamento delle guide alpine. Diverse le zone dove è possibile praticare canyoning e Lenti spiega: «Qui in zona c’è il Caldone che scende da Morterone, si percorre in circa 3,5 ore. Molto bello è l’Acquaduro che richiede circa cinque ore, o nella versione corta si fa in tre. Sono due torrenti che voglio potenziare perchè sono vicini alla città, molto belli e non inflazionati. In Val Bodengo capita di dover fare la coda, qui invece c’è poca gente per questo nel futuro voglio farli crescere e promuoverli»

Categorie: escursionismo | Tag: , , , | Lascia un commento

Il mio Giro visto dal fondo

Maglia nera Giuseppe Fonzi, l’eroe al contrario: “Il mio Giro visto dal fondo”

Giro d’Italia 2017. Primo, Tom Dumoulin. Centosessantunesimo, e ultimo l’italiano a cinque ore, quarantotto minuti e quaranta secondi dall’olandese. A una media di 39,843 all’ora, più o meno 225 chilometri di distacco.

di Marco Pastonesi – repubblica.it, 30/06/2017

Tom Dumoulin ha conquistato la maglia rosa precedendo Nairo Quintana di 31 secondi. Roba da dilettanti, se si pensa che Giuseppe Fonzi si è impadronito della maglia nera scavando fra sé e Zhandos Bizhigotov un baratro di 22 minuti e 12 secondi. Dorsale 214, anni 25, altezza 180, peso 63 alla partenza ad Alghero e 61 all’arrivo a Milano, anni da professionista quattro, vittorie zero. Eppure aveva buon sangue: “Papà zii, nonno, tutti corridori, fino ai dilettanti”. Eppure prometteva benissimo: “A due anni andavo su una biciclettina senza rotelle”. Eppure proseguiva meglio: “La mia prima bici da corsa a sette anni, fucsia e azzurra”. Eppure aveva le idee chiare: “Fin da piccolo ho sempre voluto fare il corridore”. Poi l’impatto con il mondo del ciclismo: “La prima corsa, in provincia di Teramo. Mio padre si raccomandò di prestare la massima prudenza, ché sarei potuto cadere. Lo ascoltai con attenzione, e la prima curva feci cadere una decina di avversari”. Tanta passione sarebbe stata, prima o poi, ripagata: “Alla fine di quell’anno, categoria G2, finalmente primo, da solo”.

Da allora Fonzi non ha mai smesso di crederci: “L’importante è partecipare, almeno quando non vinci. L’importante è esserci e rimanerci, soprattutto quando vedi chi molla o cade o abbandona o si ritira. L’importante è aiutare, il ciclismo è uno sport di squadra, anche se su quella bici ci sono soltanto io”. Da allora Fonzi non ha mai smesso di godere: “La volata è un attimo, la salita è un’eternità, ed è una sofferenza eterna, la discesa è un brivido, il rifornimento una resurrezione, la borraccia è acqua, l’acqua è vita, la vita è amicizia, come dimostra la borraccia fra Coppi e Bartali, il mio record di borracce è 10, tre nelle tasche, quattro sulla schiena e altre tre qua e là”. Da allora Fonzi non ha mai smesso di pedalare: “Il momento più difficile sullo Stelvio, la prima volta, da Bormio. Ma non ho mai pensato di mollare, e non mi sono mai detto chi me l’ha fatta fare, perché la risposta la conoscevo già, a farmela fare sono sempre stato io”. Da allora Fonzi non ha mai smesso di lottare: “Cotte e crisi sono una questione più di testa che di gambe”. E non smetterà neanche di sognare: “Una vittoria. Magari al Giro d’Italia. Secondo me si può fare”.

Solo una volta Fonzi si è confuso: “Quando sono andato in fuga davanti, e non dietro, cioè dalla parte che tutti considerano giusta. Mi sono chiesto che cosa ci facessi lì. Quando il gruppo mi ha ripreso, ho ritrovato la mia dimensione”. E solo una volta Fonzi si è offeso: “Quando il mio compagno di squadra Ilia Koshevoy ha insidiato il mio primato. Eh no, Ilia, l’ultimo è uno solo, e quello sono io”.

Fonzi navigava nei fondali del plotone, sprofondava negli ordini di arrivo, galleggiava nel tempo massimo: “Sono un regolarista. Andavo piano in salita e perfino in discesa, a crono e allo sprint. A dire la verità, non è che andassi poi così piano: andavo più piano, o meno forte, degli altri. Ma strada facendo ho trovato tifosi e sostenitori. Nella crono da Monza a Milano c’era gente che urlava il mio cognome. E mi faceva volare. Bellissimo”. I primi della classifica? “Qualche volta li ho visti anch’io. Con Dumoulin e Pinot non ho mai parlato. Quintana non solo non parla, ma neanche sorride”.

E adesso? “Porto a casa il dorsale che avevo in Sardegna, il Garibaldi e la vittoria in un gran premio della montagna, anche se la montagna era piccola. Un paio di giorni di riposo, una bistecca alta quattro centimetri, poi azzero tutto e ricomincio la preparazione”. All’arrivo c’erano i suoi: “Mio padre Giovanni, mia mamma Daniela, la mia ragazza Elisa, che mi aveva portato un giubbotto di pelle”. Più da Fonzie – ehi, wow – che da Fonzi.

Fonzi, il bello della bici? “L’estetica”. Fonzi, il bello del ciclismo? “Qui, al Giro d’Italia”. Fonzi, chi era Malabrocca? “Chi?”. Fonzi, e Dio? “Sono credente, ma non praticante. Noi corridori abbiamo poco tempo, siamo sempre in bicicletta”. Fonzi, e la Madonna? “Lei appare, spesso in cima alle salite, qualche volta anche più in basso”.

Categorie: bicicletta | Tag: , , | Lascia un commento

Le storie dell’ultratrail

Il campione, la wonder woman e il medico: le storie dell’ultra trail dei castelli valdostani

Si è svolta la prima edizione del Tor des Châteaux: nel tracciato da 170 chilometri vince Oliviero Bosatelli, nel percorso da 100 chilometri prima assoluta Simona Morbelli

di Franz Rossi – repubblica.it, 16/05/2017

Pagina di quotidiano divisa in due sezioni uguali: da una parte la cronaca dell’incendio doloso di quattro auto a Quart e dall’altra una grande foto del runner Oliviero Bosatelli mentre spicca da vincitore uno dei suoi tradizionali salti proprio sulla linea del traguardo della 170 km del Tor des Châteaux, prima edizione. Pagina su cui i fans del “Bosa”, arrivati da Bergamo in gran numero, hanno ironizzato non poco. Perché lui, il campione bergamasco vincitore anche del Tor des Géants dello scorso anno, di mestiere fa il vigile del fuoco e dunque non poteva esserci accostamento migliore su cui fare battute.

Per rimanere a Quart non è stata invece presa bene, dalla società organizzatrice VdA Trailers e dai valdostani stessi, la mancata illuminazione del castello della suddetta località quasi alle porte di Aosta.

Tutte le altre dimore storiche della valle erano illuminate al passaggio notturno dei corridori, creando scenari di grande effetto e dando al tempo stesso ampio riscontro al nome e agli intenti anche culturali della manifestazione. Ma a Quart buio pesto, neanche una candela alla finestra. Chi dice per vecchie ripicche mai sopite, chi per malintesi, chi ha rimpallato competenze sulla gestione dell’interruttore generale. Fatto sta che è intervenuta una task force notturna prontamente inviata dall’assessorato alla cultura per riportare la luce sulla cupa vicenda.

Corsa veloce, ma anche massacrante, la 170 km; vuoi per le diversità del terreno, vuoi per i dislivelli (4mila metri positivi) vuoi per i cambiamenti climatici, dalle piogge al vento freddo della notte al caldo torrido del giorno. Non poteva vincere che un runner eclettico, preparato, resistente, incapace di demoralizzarsi. Anche se ne avrebbe avuto il motivo, considerando che si è perso almeno quattro o cinque volte nei punti cruciali, ovvero nei pressi dei paesi, dove le vie spesso si incrociano, si mescolano, si perdono nelle piccole piazze irregolari. Colpa di una segnaletica non particolarmente efficiente, di beceri atti di vandalismo spicciolo (lo stesso vincitore ha raccontato di fettucce strappate), di furtarelli da parte per lo più di passanti occasionali a cui le aste delle bandierine vengono utili per tener su le piantine dei pomodori nell’orto o di ragazzini a cui i piccoli stendardi gialli fluorescenti servono da catarifrangenti per la mountain bike.

Non è stato l’unico a perdersi il concorrente bergamasco, ma tutti sono stati riportati sulla retta via grazie al contatto telefonico con la sala comando, che ha sempre una dettagliata cartina sott’occhio. Questa sì segnalata con dovizia di particolari.

La corsa non ha età, o meglio, non c’è una età in cui non si può correre. E bene, anche. Lo ha dimostrato, sempre nella 170 km, il medico piemontese Tarcisio Fresia, al traguardo di Piazza Chanoux come una rosa fresca, asciutto e pimpante come quasi nessun altro, persino elegante (non a caso la sua società è sponsorizzata dalla Ermenegildo Zegna). Decimo assoluto e con il tempo di 23 ore. Mezz’ora prima della prima donna, Marina Plavan, anche lei piemontese, un lavoro in banca, due figlie oltre i vent’anni e ampi successi conquistati nelle corse in montagna. Il dottor Fresia avrebbe potuto far qualcosa di meglio, ha detto un suo assistente lungo il percorso, ma non è riuscito a prepararsi al meglio perché ha dovuto anche badare a sua madre, ultranovantenne. Dimenticavo: il dottor Fresia ha 72 anni.

La 170 km non è stata l’unica gara ad avere protagonisti sorprendenti. Infatti sullo stesso percorso ma con uno sconto sul chilometraggio, si è disputata anche una gara, diciamo così, corta, una 100 km. In cui gran favorito era l’idolo di casa, Giuliano Cavallo che, di corsa o in bici, si allena su e giù per la Valle d’Aosta tutto l’anno e il percorso lo aveva pure provato più volte. A lui la mancanza di segnaletica gli ha fatto dunque un baffo.
Ma a un certo punto, esattamente all’84° chilometro, i crampi si sono dimostrati più forti della preparazione e della determinazione. Così la  corsa di Giuliano è terminata in una gelateria. Per conservare almeno un po’ di buonumore.

Quindi strada spianata per la concorrente alle sue immediate spalle. La concorrente, sì è giusto; Simona Morbelli, gentile e determinata signora piemontese adottata dalla Valle d’Aosta dove pratica tutti gli sport di montagna nel tempo che l’essere madre di due figlie le concede; una atleta di primo piano che i trail, anche quei che contano nel calendario internazionale, se li conquista con uno smagliante sorriso sulle labbra e una fisicità che sembra sempre di tutto riposo. Non dico come andare a fare shopping ma quasi. Simona ha sempre seguito Cavallo da vicino, all’insegna della continuità e della costanza; segno di una grande preparazione e di una altrettanto grande capacità di saper gestire la gara e le sue difficoltà. Alla fine la notizia vera non è stata la sua vittoria, dunque prima assoluta nella gara e prima, di conseguenza, anche della classifica femminile, ma il forzato ritiro del suo compagno di squadra – stesso team Salomon – Giuliano Cavallo.

Organizzatori molto soddisfatti, non c’è che dire, anche se si aspettavano qualche atleta in più; ma non tutti i mali …. Perché se avessero smarrito le strade notturne qualche centinaio di concorrenti allora sì sarebbero stati bei problemi nell’indicare loro il viottolo giusto.

La prima edizione molto apprezzata dai runner e molto supportata, specie dai Comuni della valle e dalle solite centinaia di volontari, ha così dato modo allo staff di VdA Trailer di prendere nota dei piccoli ingranaggi da oliare in vista della prossima tornata. Intanto c’è da pensare al Gran Trail di Courmayeur di luglio e al Tor des Géants e Tot Dret di settembre, quando oltre un migliaio di concorrenti torneranno a correre nel silenzio delle alte quote. Dove a strappar via le bandierine gialle saranno al massimo indisciplinate mucche brade o camosci curiosi.

 

Categorie: escursionismo, trail | Tag: , | Lascia un commento

Woda woda

Woda woda dalle mani
Scivolata via
Senza odore né colore
L’eco del suo nome

Che non piove (ad eccezione dei temporali di ieri) è cosa nota, ma le conseguenza vere sull’ambiente, sull’agricoltura, si possono vedere solo muovendosi lentamente: a piedi, a bici… perché lo sguardo veloce dal finestrino dell’auto non permette di cogliere certi particolari, che sono poi quelli che danno l’idea dell’entità del problema. Certo, si possono vedere gli spiaggioni del Po o dell’Adda da un ponte, la terra asciutta, ma oltre non si può andare.

Ecco, le foto che riporto sotto sono state scattate il 4/6/2017 fra Crotta d’Adda e Spinadesco, alcune di esse sono state messe a confronto con inquadrature analoghe immortalate in altri periodi.

E a me viene in mente una vecchia, bellissima, canzone dei Litfiba. E mi viene in mente anche che, forse, non è solo colpa delle bizze di una primavera senza acqua. E di un inverno senza acqua e neve. Forse un po’ di colpa, più che San Pietro nel deserto (come dice la canzone), ce l’hanno gli impianti per l’innevamento artificiale che questo inverno hanno lavorato a palla, sfruttando l’acqua immagazzinata nei periodi di vacche grasse, distogliendola dai flussi di alimentazione diretta di fiumi e laghi.

Ma come conciliare le esigenze dell’agricoltura con quelle dei comprensori montani, la cui sopravvivenza è stata tarata prevalentemente sul successo della stagione invernale? Bella domanda… ma qualcuno che comincia a farsi qualche domanda c’è.

La torbiera di Crotta, 04/06/2017

La torbiera ghiacciata, gennaio ’17

Passaggi… 04/06/2017

Spinadesco, dietro al pennello un laghetto

Crotta, c’è chi ne approfitta…

E, visto che l’ho citata…

 

Categorie: ambiente | Tag: , , , , | Lascia un commento

Cento immobili su cammini e percorsi per il turismo lento

di Raffaele Di Marcello – fiab-onlus.it, 21/05/2017

In principio fu il decreto “Cultura” (Decreto Legge n.83 31/05/2014, convertito in Legge 29/07/2014 n.106) con il quale si prevedeva che, per favorire la realizzazione di itinerari moto e ciclo turistici, le case cantoniere, i caselli e le stazioni ferroviarie o marittime, le fortificazioni e i fari potessero essere concessi in uso gratuito a imprese, cooperative e associazioni costituite in prevalenza da giovani fino a 35 anni, per una durata massima di 7 anni.

Poi arrivò, nel luglio 2016, il bando dell’ANAS per la gestione di 30 case cantoniere dismesse, distribuite tra Val D’Aosta, Puglia, Emilia Romagna, Toscana, Lombardia, Lazio, Piemonte e Veneto, dove spariva l’uso gratuito per lasciare il posto all’offerta economicamente più vantaggiosa, con la durata della concessione portata a 10 anni, con prezzi a base di gara intorno ai 20.000 annui, più una percentuale sul fatturato derivante dall’attività posta in essere all’interno della struttura, da versare all’ANAS. Dispersa anche la preferenza per i giovani under 35 e veniva richiesta esperienza nel settore di attività che avrebbe caratterizzato la struttura (ristorazione, ricettività, ecc.), vanificando, di fatto, lo spirito della legge.

Ora l’Agenzia del Demanio, con il Ministero dei Beni e delle Attività Culturari e del Turismo (MiBACT) e il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti (MIT), ha presentato il progetto “Valore Paese – Cammini e Percorsi” lanciando una consultazione pubblica online che porterà al bando di gara per la concessione gratuita di immobili pubblici sui tracciati storico-religiosi e ciclopedonali.

“Cammini e Percorsi – ha dichiarato Roberto Reggi, Direttore dell’Agenzia del Demanio – è un progetto che racchiude tutti gli obiettivi strategici che guidano l’attività quotidiana dell’Agenzia: il recupero di immobili pubblici non più utilizzati, il supporto e la collaborazione con gli Enti territoriali, il confronto continuo con le altre istituzioni per trovare soluzioni ai problemi, il coinvolgimento della cittadinanza, la trasparenza nella gestione del patrimonio immobiliare dello Stato, l’attenzione verso le realtà locali e la volontà di generare valore economico e sociale grazie alla collaborazione pubblico-privato. Come è accaduto per il progetto Fari, oggi parte un cammino appassionante di trasformazione e rigenerazione di queste 100 strutture che coinvolgerà i giovani e le realtà locali in cui vivono, un beneficio reale che impatterà sui territori e sul turismo”.

L’iniziativa è stata presentata il 9 maggio scorso a Roma nella “Sala Spadolini” del MiBACT, durante una conferenza stampa  moderata dalla conduttrice televisiva e radiofonica Camila Raznovich, dal Direttore dell’Agenzia del Demanio, Roberto Reggi, alla presenza del Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, Graziano Delrio,  del Capo di Gabinetto del Ministero dei Beni e delle attività culturali e del turismo, Giampaolo D’Andrea e di Francesco Palumbo, Direzione Generale Turismo MiBACT.

CAMMINI e PERCORSI  è il nuovo progetto “a rete” dell’ Agenzia del Demanio, promosso da MiBACT e Mit che mira ad avviare azioni congiunte volte alla salvaguardia e al riuso sia del patrimonio tipico della tradizione locale, come masserie e rifugi, e manufatti quali piccole stazioni, case cantoniere, caselli idraulici, che del patrimonio culturale di pregio come  monasteri, castelli, ville. Recuperare oltre 100 immobili pubblici lungo i cammini e i percorsi ciclopedonali e storico-religiosi che attraversano tutta l’Italia per trasformarli in ostelli, piccoli hotel, punti ristoro, ciclofficine, punti di servizio e assistenza per tutti i pellegrini, i turisti, i camminatori e i ciclisti che ogni anno percorrono questi tracciati. Favorire e sostenere lo sviluppo del turismo lento offrendo la possibilità di riutilizzare gli immobili pubblici come contenitori di servizi e di esperienze autentiche, fortemente radicate sul territorio. Accanto a Valore Paese-Fari, l’iniziativa dedicata al recupero dei fari e degli edifici costieri che ha già riscosso un grande successo, l’Agenzia  punta ancora una volta su una nuova concezione di turismo più consapevole, rispettoso del territorio e dell’ambiente e capace di far emergere le bellezze locali. Cammini e Percorsi si inquadra infatti nell’ambito del Piano Strategico del Turismo 2017–2022 e del Sistema Nazionale delle Ciclovie Turistiche/Piano Straordinario della Mobilità turistica.

Gli immobili coinvolti nel progetto si trovano lungo la Via Appia, la Via Francigena, il Cammino di Francesco e il Cammino di San Benedetto, lungo le ciclovie VEnTO, SOLE e Acqua (Acquedotto Pugliese), e lungo altri itinerari riconosciuti a livello locale.

Si tratta di 103 beni, 43 dello Stato, 50 degli Enti territoriali e 10 di Anas, che attraverso bandi di gara pubblicati entro l’estate, saranno affidati in concessione gratuita (9 + 9 anni)  “ad imprese, cooperative e associazioni, costituite in prevalenza da soggetti fino a quaranta anni” (come previsto dal D.L. Art Bonus e Turismo) oppure in concessione di valorizzazione fino a 50 anni ad operatori che possano sviluppare un progetto turistico dall’elevato potenziale per i territori, in una logica di partenariato pubblico-privato, a beneficio di tutta la collettività.

Il tema dei Cammini e dei tracciati storico religiosi è al centro delle agende di molte istituzioni e dell’opinione pubblica perché trasversale: coinvolge la popolazione dei camminatori, dei pellegrini e dei bikers, ma anche le Regioni, i Comuni e tutti gli enti territoriali periferici e centrali.

Per questo l’Agenzia del Demanio, con il supporto del Touring Club italiano, ha pubblicato una consult@zione pubblica che fino al 26 giugno prossimo permetterà di esplorare i diversi aspetti connessi all’iniziativa, raccogliendo idee, suggerimenti e l’indice di gradimento espressi dal grande pubblico, dai giovani, dal terzo settore e dall’imprenditoria in vista della pubblicazione dei bandi di gara.

Nelle prossime settimane l’Agenzia del Demanio organizzerà, assieme ad alcuni partner del progetto, degli Openday in movimento lungo i tracciati che costeggiano gli immobili inseriti in Cammini e Percorsi.

Categorie: iniziative, mobilità sostenibile | Tag: , , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.