Articoli con tag: foto

(In)civili

Un viottolo inesplorato lungo un giro super collaudato.

Diamo un’occhiata

E giù dall’argine di Adda, verso il fiume. Si, so più o meno dove si sbuca… Ma non ci sono mai andata, quindi…

E, soprattutto, lo faccio ora che la strada è in buone condizioni, prima che si sminchi causa irrigazioni massicce e letame gettato ad minchiam. Ma chissà se in fondo ci sono problemi, dato che qualche settimana fa il fiume era salito di livello…

Supero il primo filare di alberi, arrivato al secondo “parcheggio” la MTB. Scendo la massicciata a protezione dell’ansa del fiume. Ben nascosti fra robinie, ortiche e sabbia, i massi affiorano, qua e là.

Ecco, un po’ di acqua c’è ancora sopra al livello normale del fiume, e i gorghi creati dalla corrente fanno un po’ impressione, soprattutto perché fanno rumore, dove smuovono gi arbusti che spuntano dall’acqua bassa.

Crotta d’Adda

L’abitato di Crotta si affaccia dalla ripida scarpata, sulla quale si vedono i nastri bianchi che delimitano il percorso della gara di XC organizzata per il 1°maggio. Attraccata, si vede una barchetta che ricorda quella dei cartoni animati…quella guidata dalla nonnina canterina, con Tweety che cinguettava nella gabbietta e Silvestro che le tentava tutte per raggiungere l’ambita preda.

Sullo spiaggione in ombra, all’interno dell’ansa, alcuni pescatori intenti a manovrare le canne.

Adda, verso la foce nel Po

Tutto bello, vero?

No, per niente.

Abbasso lo sguardo.

Una bombola del gas, di quelle grosse. Dubito possa essere stata trascinata lì dalla corrente, soprattutto perché accanto c’è un sacco della spazzatura pieno di piatti di plastica, e un congruo numero di lattine di Bavaria vuote. Capisco che il materiale trascinato dalla corrente tenda ad accumularsi nei punti dove la riva è bassa, ma che “casualmente” i resti di un pic nic finiscano tutti nello stesso punto, sacco pieno aperti compreso, mi sembra poco verosimile.

Sorpresa #1

Sorpresa #2

E schifezze simili se ne trovano ovunque, sacchi pieni abbandonati nei fossi lungo la provinciale, bottiglie di plastica che si accumulano nei navigli in corrispondenza di grate e sifoni, residui di ogni tipo nei campi coltivati, per non parlare delle TV abbandonate nei fossi a 20m dall’ingresso della piazzola ecologica (si, visto pure quello).

Ma cosa vi costa riportarvi a casa quello che vi siete portati appresso? Meno di quello che vi è costato portarlo lì, visto che ora è vuoto. Servono obblighi, divieti, multe, vigli sguinzagliati in orari poco urbani armati di blocchetto contravvenzioni (cosa improponibile per i piccoli comuni)? Non dovrebbe bastare un po’ di testa?

A questo punto spero che si moltiplichino iniziative come quello del sindaco delle Isole Tremiti, che, dopo aver visto le analisi relativi alle microplastiche presenti nel mare dell’arcipelago, ha vietato l’impiego di stoviglie usa e getta. Ma dovremmo andare oltre, affrontare la realtà e abbandonare l’usa e getta, la plastica, i contenitori non biodegradabili i non riutilizzabili.

Ma senza usare la testa non si va da nessuna parte. Senza l’educazione e il rispetto dei beni comuni siamo condannati.

Annunci
Categorie: ambiente, i miei giri, mtb | Tag: , , , , | Lascia un commento

Linee e cerchioni

Ma cosa ci fa una e-bikemi a Lambrate, dove le rastrelliere non esistono?

Categorie: intermezzo | Tag: , | Lascia un commento

Lo zen e l’arte di accatastare la legna

Accatastare la legna per farla asciugare in vista dell’inverno può diventare una forma d’arte.

No, non sto scherzando: con un po’ di tecnica e parecchia fantasia ogni anno si può rinnovare la facciata di casa. In questi anni ho visto cose degna di nota, qui in Val di Fassa: ecco qualche esempio.

Mazzin, 2012

Mazzin, 2017

Baita Lino Brach – Val Duron, 2012

Pozza, 2017

Categorie: intermezzo | Tag: , , , | Lascia un commento

Ti raserò l’aiuola

…waiting for #HERO

Categorie: intermezzo | Tag: , , , | Lascia un commento

Mappe

rumiz

Categorie: intermezzo | Tag: , | Lascia un commento

Gli ambulanti di Hanoi

Le neravigliose e coloratissime bici degli ambulanti vietnamiti

Dominella Trunfio – greenme.it, 02/11/2016

La fotografa Loes Heerink è riuscita a catturare un pezzettino di vita quotidiana vietnamita in uno scatto, mostrando la bellezza e la simmetria delle bicicletteutilizzate dai venditori ambulanti per trasportare frutta, verdura e fiori ai mercati rionali.

Passo ore e ore su un paio di ponti di Hanoi a guardarli passare. Con le loro biciclette, inconsapevolmente, creano una sorta di street art che dall’alto si fonde con il paesaggio.

Sono donne e uomini che si alzano ogni mattina alle 4 e portano con sé il maggior numero possibile di frutta e verdura, con la speranza di vederle ai passanti.

Ho parlato con alcune di queste donne, spesso donne migranti che arrivano in città cercando di guadagnare un po’ di denaro extra. Devono lavorare molto duramente, guadagnano poco le condizioni di denaro e di lavoro non sono molto buone.

Un Km zero davvero stravagante, ma che esiste anche in Italia. In molti paesini soprattutto del Sud Italia, ci sono ancora i contadini che vanno casa per casa a vendere i loro prodotti.

Di certo in Vietnam l’effetto è davvero straordinario e scenografico, guardate queste immagini!

Categorie: Info Turistiche, intermezzo | Tag: , , | Lascia un commento

In volo sull’Antartide

Un iceberg tabulare vicino alla costa dell’Antartide occidentale, il 27 ottobre 2016. (Mario Tama, Getty Images)

internazionale.it, 21/11/2016

L’operazione Icebridge è la più grande indagine aerea condotta dalla Nasa sui ghiacci polari della Terra. Nell’arco di sei anni gli scienziati hanno studiato le variazioni annue dello spessore del ghiaccio marino, dei ghiacciai e delle calotte nelle zone artiche e antartiche.

L’obiettivo della missione è quello di prevedere la reazione dei ghiacci polari ai cambiamenti climatici e il conseguente innalzamento del livello del mare.

Alla fine dell’operazione Icebridge, la Nasa e l’università della California di Irvine hanno concluso che i ghiacciai dell’Antartide occidentale si stanno sciogliendo a una velocità mai registrata finora. Lo scioglimento dei ghiacciai è una delle conseguenze principali del riscaldamento globale.

Tra ottobre e novembre del 2016 durante l’operazione in Antartide, Mario Tama, fotografo dell’agenzia Getty Images, ha accompagnato i ricercatori della Nasa.

Altre foto QUI (cliccare sulla foto per la gallery).

Una parte della calotta glaciale antartica vista da un aereo della missione, il 31 ottobre 2016. (Mario Tama, Getty Images)

Una parte della calotta glaciale antartica fotografata da un aereo durante l’operazione Icebridge, il 28 ottobre 2016. (Mario Tama, Getty Images)

Un ricercatore a bordo di un aereo dell’operazione Icebridge, il 27 ottobre 2016. (Mario Tama, Getty Images)

Categorie: ambiente | Tag: , , , | Lascia un commento

Una domenica in centro

wp-1478468087725.jpeg

Categorie: intermezzo | Tag: , , | Lascia un commento

La montagna del cuore

lastampa.it

Cosa rappresenta la montagna per te? Raccontalo con le tue foto.

La Stampa propone una sfida avvincente a chi ama davvero la montagna: esprimere questo legame e questa passione con una foto. L’obiettivo è dare vita a un progetto fotografico online, che parlerà della montagna senza parole. Una raccolta di emozioni capaci di far innamorare della montagna anche chi la conosce poco.

Partecipa al progetto fotografico dell’estate.

Scegli tra due temi, “Rifugio” o “Panorama” e inviaci le tue foto, hai tempo fino al 14 settembre. Possono partecipare tutti, ma solo 10 saranno i vincitori.

REGOLAMENTO

ISCRIZIONI

Rifugio Re Alberto I

Cresta Knuffer

Categorie: ambiente, iniziative | Tag: , , | Lascia un commento

Col telaio rosa

No, Nibali non c’entra.

Categorie: intermezzo | Tag: | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.