Siti amici

Upcycle. Bere, mangiare, pedalare

Post un po’ ruffiano.

Sono andata a Milano con la famiglia, a vedere una mostra (per la cronaca, la mostra dedicata alla conquista dello spazio allestita allo Spazio Ventura XV). In fase di pianificazione della giornata, in modo un po’ paraculo, ho proposto al moroso (che è in trip totale per la bici):

…e se andassimo all’Upcycle Café? E’ vicino al Politecnico…

Una lucina si è accesa nei suoi occhi… finita la mostra abbiamo trascinato il pargolo, che si sarebbe fermato nel primo posto dispensatore di cose commestibili, fino in via Ampère.

Allora: il posto è veramente carino, e abbiamo mangiato bene. Io ho preso le Vegan Balls, molto buone, e la birra rossa altrettanto. Mio figlio, a 8 anni, si è mangiato il sui primo burger (giuro…) ma si è fatto togliere insalata, pomodoro e…i semi di papavero dal pane (aaaargghhh!!). Però le patate se le è scofanate senza fare storie…

Ma Upcycle non è solo un posto per mangiare, organizzano eventi legati al mondo a due ruote, e si può venir qui anche per studiare. Le decorazioni sono “a tema”, volevo anche fotografare la maglie appese al soffitto ma c’era troppa gente e mi vergognavo un po’….

E, da mamma che ha superato l’età cambio pannolino ma che a queste cose sta attenta, non è sfuggita una cosa. Mi è capitato di leggere in giro polemiche sugli spazi per il cambio pannolino, generalmente scarsi e/o inaccessibili ai papà. Ecco. Ficchiamoci in testa una cosa. E’ pur vero che in genere i bambini hanno un papà e una mamma (non sempre, ma in genere è così), ma non è detto che entrambi possano essere presenti. Ma ci possono anche essere bambini con due papà, due mamme, o in giro col cugino, lo zio o il fratello più grande. In ognuno di questi casi i bambini hanno il sacrosanto diritto di essere cambiati con tranquillità. Da chiunque. E anche i maschietti, che sono perfettamente in grado di accudire un bambino, devono poter accedere ad un posto per cambiare il pargolo, senza essere insultati perché entrano nel bagno delle signore, o senza dover usare il piano in marmo del lavandino del bagno degli uomini. Ecco, qui almeno hanno l’autorizzazione scritta ad entrare nello spazio dedicato.

Consigli per il cambio pannolino a parte…se volete essere informati su menù, orari, iniziative, varie ed eventuali, potete accedere al sito internet o alla pagina facebook del locale.

Annunci
Categorie: intermezzo, Siti amici | Tag: , , | 1 commento

La nuova vita di Alan

Un giorno, mentre sto “cazzeggiando” (termine tecnico) su internet, mi arriva una notifica da un gruppo g+ che seguo. Il titolo del post, relativo ad un trek nel Lagorai, mi incuriosisce: io di solito vado in Val di Fassa, ma il Lagorai, che è nella vicina val di Fiemme, non lo conosco per niente.

Clicco sul link. Si apre una pagina, e la prima cosa che mi colpisce, più che le montagne, è il logo AIDO su un pannello segnaletico.

Io sono una donatrice AIDO (o meglio, una potenziale donatrice) e i miei genitori, in tempi diversi, sono stati nello staff del gruppo AIDO locale (mia mamma è tuttora presidente), quindi il tema della donazione in casa mia è… “di casa”. Incuriosita, comincio a navigare nel sito, una volta tanto interessata più al gestore del sito che alle escursioni in montagna descritte nelle pagine.

E la storia che scopro è una di quelle che ti scombussolano dentro. E’ la storia di una doppia vita, la vita prima e la vita dopo.

In mezzo, un trapianto.

Ecco la storia di Alan.

Personalmente mi sento in dovere di dover inserire nella mia autobiografia, due Biografie, una per il “pre” e una per il “post” Trapianto.

Mi chiamo Alan e sono nato a Trento il 27 ottobre 1984 all’Ospedale San Camillo da genitori entrambi trentini, con parto naturale.

Appena nato dopo poco più di un mese vengo ricoverato all’ospedalino a Trento per problemi di fegato, ero giallo, gonfio, non avevo appetito e quindi, dopo qualche mese sono stato trasferito all’ospedale di Padova nel reparto di Gastroenterologia presso la Prof.ssa Zancan per accertamenti più dettagliati sul mio stato di salute.

Dopo vari studi mi diagnosticano il Deficit di Alfa 1 antitripsina, disordine genetico che per una combinazione del 50% di possibilità vado a incontrare già dalla tenera età…

Inizia una vita fatta di visite, dottori, ospedali, una vita da “malato”. La tenera età non mi consente di potermi lamentare, le problematiche che incontro durante il periodo neonatale sono relativamente poche.
La vita però va avanti, frequento asilo, elementari, medie e superiori cercando di condurre una vita normale, ma così non è, le limitazioni sono tante, troppe per un ragazzo che sta iniziando a vivere la sua adolescenza, non poter far sport non mi aiuta a socializzare e a poter confrontarmi con i miei compagni,  ma con determinazione riesco ad arrivare fino ai 14 anni, i tempi del motorino, delle prime compagnie.

Un “bel” giorno succede il “patatrack”, la pipì rossa….. è Panico!!! Non riesco a parlarne con nessuno, neanche con gli adulti, ho paura, dentro di me mi convinco del fatto che da li a pochi giorni il tutto si sarebbe risolto.

Un giorno vengo colto in flagrante, si accorgono del mio problema e mi portano in ospedale con urgenza.

Successivamente mi viene diagnosticata una Glomerulo-nefrite membranoproliferativa, una malattia renale per la quale ho dovuto sottopormi a un trattamento Dialitico (Emodialisi) piuttosto intensivo.

Qui inizia uno dei periodi più duri della mia vita, a 14 anni, non poter più fare neanche il poco che mi piaceva, costretto in un letto d’ospedale con 3 trattamenti di Emodialisi da fare a settimana…

Il morale è sotto terra, ansia e panico sono all’ordine del giorno, ricordo ancora il mio pensiero più ricorrente “Quando andrò a casa?”…

Un giorno… l’encefalopatia… che in poche parole è l’accumulo di sostanze tossiche nel sangue che il fegato non riesce a eliminare e che causa coma epatico, in cui se non vieni trattato subito con i mezzi più appropriati vai incontro a morte certa.

Fortunatamente a Trento i medici del reparto di Nefrologia mi hanno salvato, e dopo 12 ore di lotta contro la morte, riapro gli occhi e intorno a me trovo i miei famigliari più cari, la mia amata nonna Letizia, il mio zio Emilio e la mia mamma. Bei brutti momenti !!!

L’encefalopatia è il punto di non ritorno, successivamente l’Ospedale di Trento prende contatti con la Clinica Universitaria di Padova e dopo attente valutazioni, con un’ambulanza vengo trasportato al Policlinico Universitario dell’Ospedale Civile dove la dott.ssa che mi seguiva fin da piccolo mi ha fissato una visita specialistica un pò particolare.

Quella visita cambiò per sempre la mia vita…

In un mese e mezzo di Ospedale a Padova eseguo tutti gli esami necessari per il Trapianto, penso di non aver mai fatto così tanti esami, invasivi o meno, una sorta di Check-Up completo di tutto il mio corpo, atto a valutare le mie possibilità di sopravvivenza al Trapianto e la mia predisposizione all’accoglimento di due nuovi organi. Il fegato e il Rene.

Il 22 maggio 2000 il telefono di mia madre squilla, è sera, sono circa le 18.00.

Poco dopo mia madre entra in camera e mi dice “Alan prepara il pigiama!”.

Verso le 20.00 siamo a Padova, un chirurgo viene a prelevarmi circa 20, 25 provette di sangue, il quale verrà utilizzato per tutte le analisi necessarie al Trapianto.

Entro in sala operatoria il 23 maggio 2000 alle ore 06.00 e ne esco alle 22.30 dello stesso giorno.

Da qui in poi potrei scrivere un’altra Biografia, quella che descrive la vita da Trapiantato di Organi, ma preferisco non farlo, perché in questo piccolo spazio sul web voglio raccontare le esperienze sportive con immagini e racconti che testimoniano che una vita dopo il Trapianto è possibile e anzi, è un dover sfruttare e goderne a pieno, per te stesso e per chi col suo sacrificio di vita ti ha donato una seconda chance.

Vigolana trail, passaggio a 35km

Nella sua nuova vita Alan va in montagna. O meglio: partecipa ad escursioni impegnative, fa ghiaccio, partecipa a gare Ultratrail. Le sue escursioni le racconta sul suo blog, TRANSPLANT SPORT. Il sito però non è solo il diario di bordo di un giovane appassionato di montagna, è anche uno strumento per parlare di emodialisi e trapianti. Uno strumento di supporto a pazienti in attesa di trapianto o già trapiantati e, soprattutto, di sensibilizzazione nei confronti dei potenziali donatori.

Cima Tosa – Canalone Neri

Per chi volesse sapere qualcosa in più su Alan:

Blog: TRANSPLANT SPORT

Mail: alan.cattincosso@gmail.com

Facebook: https://www.facebook.com/alan.deslucca

Garmin: http://connect.garmin.com/profile/alancattin

Alan in vetta… con maglietta

Categorie: escursionismo, i trek degli altri, Siti amici | Tag: , , , | 2 commenti

Ricette nello zaino

Inauguro una nuova sezione del blog, la pagina Siti Amici nella quale segnalerò di volta in volta i siti che mi incuriosiscono, che mi piacciono, che segnalano cose che mi interessano.

Zuppa alla Valpellinentze

Da dove cominciare volendo parlare di qualcosa che, seppur in modo indiretto, ha a che fare con i temi trattati qui?

Beh, che si tratti di un’escursione, di un tour in bici… sempre di viaggi si tratta. E l’abbinata viaggio-cibo è qualcosa di unico.

Fusi istriani

Io mi sogno ancora le castagne caramellate con lardo di Arnad e i peperoni con bagna caoda che mangiavo in una cooperativa di Hone, in Val d’Aosta, gestita…da una signora di origine calabrese! E le zuppe (e la grolla) a l’Abreu de la Leunna di Dégioz. E le torte della Malga Monzoni. E i canederli alle rape rosse su letto di mele, o i ciasoncie enrosadira, o lo speck artigianale bio del Vecchio Mulino di Pozza….

Beh, allora segnalo un sito amico, o meglio…. “sito parente” (cit.): Valerio ha la passione per i viaggi e per la cucina, e ha preso l’abitudine di mettere su… url le sue impressioni culinarie di viaggio, ma anche i sapori legati ai nostri ricordi.

Ed è così che è nato RICETTE NELLO ZAINO, uno dei suoi (tanti…) blog.

Buon appetito!!!

Categorie: Siti amici | Tag: , | 1 commento

Blog su WordPress.com.