Articoli con tag: Dolomiti

Anello del Lusia variante Sottosassa – video

Ed eccolo, finalmente, in video del “girone” dell’estate 2018, l’anello Moena – Bellamonte – Lusia con partenza da Soraga, la cui descrizione è disponibile cliccando qui.

Annunci
Categorie: i miei giri, mtb | Tag: , , , , , , , , | Lascia un commento

Nel cuore del Catinaccio

Verso Passo Principe, all’ombra del Catinaccio di Antermoja

Intro

Lo confesso: questa estate ho accarezzato l’idea di portare mio figlio al rifugio Re Alberto.

Per chi non conoscesse la Val di Fassa, Il Re Alberto si trova a 2621m slm, in una conca nel gruppo del Catinaccio ai piedi delle Torri del Vajolet, accanto ad un laghetto. Solo da questa conca le Torri si possono ammirare nel pieno del loro splendore, col la sagoma che si slancia verso il cielo, e per arrivare qui o si fa la ferrata di Passo Santner (che di suo è facile, ma il giro completo è lunghetto), o si scala la parete del Catinaccio (se si è capaci) e poi si scende, o si sale dai rifugi Vajolet e Preuβ con un sentierino su roccette, che consente di superare i circa 400m di dislivello in uno sviluppo ridottissimo.

C’ero quasi riuscita a convincere il marmocchio (per l’ultima opzione, si intende), poi abbiamo deciso di rinunciare, ma gli ho strappato una mezza promessa per il prossimo anno. Abbiamo così seguito quello che mi ero tenuta come piano “B”, più lungo ma meno impegnativo (oddio… forse, alla fin della fiera la differenza è minima…).

Si, insomma, siamo andati a Passo Principe.

Non ci venivo da un sacco di tempo, l’ultima volta avevo fatto la ferrata dell’Antermoja (bellissima e non impegnativa), insieme ad alcuni amici. E’ più un punto di passaggio che una meta vera e propria: di qui infatti si passa di ritorno dal giro dell’Antermoja, o per salire, appunto, in vetta, facendo la ferrata. Oppure ci si passa per scendere verso il rifugio Bergamo, o per risalire verso il Molignon e da lì all’Alpe di Tires. Si, insomma, è un punto di appoggio per traversate, però merita comunque una escursione, perché… la meta E’ il viaggio. Messo così sembra un discorso un po’ strampalato, però il sentiero attraversa un vallone solitario, che passa ai piedi del “lato B” delle Torri del Vajolet e al cospetto del Catinaccio di Antermoja, con la sua inconfondibile cengia diagonale. E’ molto meno affollato di altri percorsi, e, dal punto di vista paesaggistico, merita.

Mappa della zona

La nostra escursione

Il punto di partenza è la conca del Gardeccia (1950m slm). Qui ci si può arrivare tramite bus navetta da Pera o da Pozza, oppure prendendo i primi due tronconi della seggiovia Vajolet che, da Pera, porta a Pian Pecei, da qui si deve camminare ancora per mezz’ora circa su comodo sterrato. Volendo “esagerare”, si può salire al Ciampedie da Vigo e da qui si arriva al Gardeccia in circa tre quarti d’ora (segnavia 540).

Mettiamo da parte per un attimo il Ciampedie… e andiamo a Pera, alla stazione di partenza della seggiovia, dove c’è anche la fermata della navetta. Visto che non c’è troppa confusione, facciamo il biglietto e saliamo sul pulmino. Partiamo e, percorsa la rotonda sulla statale, ci dirigiamo verso Ronch e Muncion, le due frazioni a mezzacosta di Pozza. Tutte le volte che faccio questo percorso mi chiedo quanto durino questi furgoni, che fanno le “ripetute” lanciati su rampe dalla pendenza decisamente sopra la norma, rallentano se incrociano altri veicoli e ripartono allegramente su un buon 16%.

La parete del Catinaccio

Uscendo da Muncion si passa accanto all’ex Baita Regolina e si entra ufficialmente nella vallata del Gardeccia. I primi anni che venivo in valle, qui si saliva in macchina, ed era il delirio, con macchine che si incrociavano in punti strettissimi, che venivano parcheggiate in ogni dove, e tu che pregavi di non incrociare nessuno mentre con marcia bassissima salivi sulle rampe strette e ripide. Poi, dopo l’ennesimo cedimento della strada, si è deciso di cambiare strategia, ed è iniziata l’epoca dei bus navetta. Non che frane e smottamenti siano finiti, ma almeno le auto non rischiano di rimanere boccate in quota, se non addirittura sepolte da scariche di sassi e fango, si riduce l’inquinamento e il mal di pancia dei turisti. E il torrente che scende dal passo delle Scalette, che con il disgelo e i grossi temporali si porta giù la qualunque, è stato lasciato libero di fare “danni”, perché, invece di costruire un inutile ponte destinato a durare (forse) una stagione, si è lasciato un passaggio a guado.

Da Gardeccia al Rifugio Vajolet

In cordata sul Catinaccio

Arriviamo al rifugio Gardeccia, poco sotto c’è lo spiazzo di manovra dei mezzi. Qui sistemiamo scarponi e bacchette, e ci mettiamo in marcia lungo la frequentatissima mulattiera che, costeggiando il Gardeccia e lo Stella Alpina, si dirige verso il Vajolet (segnavia 546). E qui mi lancio in aneddoti e ricordi, per distrarre il figlio che su questi sterrati tende ad annoiarsi, e, senza pudore, mi chiede quando ci fermiamo a mangiare il panino, perché lo stomaco brontola.

Eh? Ma sono le 9.40!!!

Mi guarda con un sorrisino da “beh, ci ho provato”, e ricomincia a guardare in avanti.

Fra massi erratici e conifere, che a 2000 sono un po’ più piccole e rade, vediamo davanti a noi l’inconfondibile parete del Catinaccio e, più a destra, il rifugio Preuβ si staglia contro il cielo, sopra un alto sperone roccioso. L’effetto è, in un certo senso, un po’ inquietante, la collocazione è degna del castello di un principe malvagio. La forestale, dopo aver percorso un tratto tranquillo, si fa più ripida, con rampe che si fanno sempre più cattive mentre ci avviciniamo alla parete del Catinaccio. La giornata è stupenda, e alcuni scalatori stanno salendo lungo una via tracciata sulla parete.

Le Torri del Vajolet dal basso

Il marmocchio qui vuole fare il grande, tagliando un pezzo di sentiero, Rischia di infognarsi in un punto scivolosissimo, lo riporto su una traccia un po’ più marcata ed arriviamo al rifugio Preuβ (siamo a circa 2240m slm). Qui “esco” il primo panino, mentre gli presento le possibilità di continuare l’escursione (in sostanza, cerco di fargli un mini lavaggio del cervello per convincerlo a salire al re Alberto). Esibisco tutto il mio sapere indicando vette e passi circostanti, spiegando le varie possibilità e… si, salire ne vale proprio la pena, e c’è un bimbo più piccolo di lui che sta partendo insieme ai suoi familiari. Proviamo a partire, ma lo gnomo non è molto convinto. Siccome lo conosco, temendo che cambi idea sul più bello, gli prospetto l’alternativa Passo Principe, indicando in modo un po’ vago la direzione. Vada per quella. Scendiamo e ci avviamo verso la mulattiera contrassegnata dal n°584, decisamente più agevole rispetto alla salita per il Re Alberto.

Rifugio Vajolet

Sulla sinistra abbiamo il gruppo del Vajolet, che su questo lato ha pareti meno verticali e caratterizzate da “gradoni” naturali, sulla destra, passato il gruppo del Larsech, ammiriamo l’inconfondibile sagoma dell’Antermoja. La giornata splendida fa risaltare il colore rosato della dolomia, che fa contrasto con cielo blu; il verde dell’erbetta di alta quota sembra ancora più verde, mentre, insieme ad altri escursionisti, ci avviamo verso il passo, che è sempre “là dietro”. Un “dietro” che viene di volta in volta declinato in dietro la curva, dietro il colle, dietro quella roccia… finché non si comincia ad intravedere la traccia dell’ultimo tratto di sentiero, che sale ripido sul ghiaione… e il figlio un po’ si incazza, sentendosi preso in giro.

Uno sguardo alle spalle, salendo verso Passo Principe

Ma la cosa bestiale è che questo sentiero, fatto a piedi, non è per nulla impegnativo, anche se, ridendo e scherzando, il passo Principe è a circa 2600m (più o meno come il rifugio Re Alberto) e le tabelle danno circa 1h15′ dai rifugi Vajolet e Preuβ. Qui però, ad un certo punto, vediamo arrivare un piccolo gruppetto di bikers su bici da paura, che non paiono soffrire le rampette e il fondo sconnesso. Tra il sorpreso e il perplesso, lasciamo loro strada, chiedendoci che intenzioni potessero mai avere, una volta arrivati al rifugio, che ancora non possiamo vedere, ma la cui posizione è deducibile dalla bandiera che vediamo spuntare tra le rocce.

Rifugio Passo Principe

L’ultimo tratto del sentiero è caratterizzato dalla presenza di detriti, qui la roccia è particolarmente fratturata, e si sale a zig zag. E’ l’ultima fatica… e si svalica! Il rifugio è addossato alla parete, nel poco spazio a disposizione è stata ricavata anche una piazzola per l’elisoccorso, usata dai molti escursionisti come piazzola di sosta per il pic nic improvvisato. Qui possiamo riposarci (e mangiare il panino n°2, per il bambino), seduti contro la parete del rifugio per sfruttare una strisciolina di ombra.Davanti a noi, il Catinaccio di Antermoja, che sovrasta il passo. Da qui parte il sentiero per il passo di Antermoja (dal quale si raggiunge l’omonimo lago), oltre alla ferrata che porta in cima, a circa 3000m. Alla nostra sinistra invece il sentiero scende verso il rifugio Bergamo, e verso il Passo del Molignon, e da qui si vede il ripidissimo sentiero che consente di raggiungerlo, salendo a zig zag in un canalino (l’ho fatto una volta, quando ero giovane, ed è ben tosto…).

Panoramica dell’Antermoja

Verso il Passo del Molignon

Niente paparazzi!!!

La targa in ricordo di Tita Piaz

Dopo lo spuntino, il caffè, le foto, viene il momento di scendere. Ripercorriamo così il sentiero percorso all’andata e, arrivati al Vajolet ci fermiamo un attimo per rendere omaggio al grande Tita Piaz, il Diavolo delle Dolomiti, che qui era di casa (fu fra i promotori della costruzione del rifugio Re Alberto, mentre la moglie era direttrice del rifugio Vajolet).

La forestale che dobbiamo percorrere per tornare al Gardeccia, e che abbiamo in parte saltato, è veramente ripida, si scivola facilmente. Ci dobbiamo fermare in un paio di occasioni per lasciar passare il fuoristrada del rifugio.

Fra i numerosi escursionisti che, a quest’ora, scendono verso valle, c’è qualcosa che disturba la vista. E siccome io sono un po’ una carogna, questo “disturbo alla vista” lo fotografo.

 

 

 

Scendendo dal Rifugio Vajolet. I rifugi Gardeccia e Stella Apina

no comment…

Intendiamoci, ognuno ha il diritto di andare in giro come caspita gli pare. In città, al mare… ma in montagna ci vorrebbe un tanticchia di buon senso nella scelta degli scarponi, dello zaino… altrimenti utilizzi chi ti accompagna in sostituzione dei bastoncini, perché rischi di scivolare ad ogni passo…

E così cerchiamo di tenerci lontani dalla simpatica coppia, per evitare di essere travolti in caso di ruzzolone. E non ci riesce poi così difficile seminarli, anche se noi non scendiamo certo di corsa.

Arrivati nella conca del Gardeccia ci fermiamo per una provvidenziale merenda. Il “pargolo” cerca i battere il suo record di velocità di mangio-Sacher… dopodiché ci rimettiamo in marcia. Già, perché stavolta un po’ di tempo, volendo, lo possiamo trovare per stare al parco al Ciampedie (visto che qualche giorno prima siamo dovuti scendere a precipizio), ma prima dobbiamo arrivarci… decidiamo così di non riprendere la navetta, ma di fare la tranquilla passeggiata che ci porta, appunto, al Ciampedie.

La mulattiera (segnavia 540) corre in quota attraverso il bosco, numerosi cartelli illustrativi spiegano come riconoscere le principali essenze arboree e la loro origine, le caratteristiche, gli animali che popolano il bosco… e il sottosuolo. Con passo discreto ci vogliono circa 45 minuti, e il dislivello è inferiore a 100m.

La “pista azzurra”

Avvicinandosi al Ciampedie, si attraversano quelle che in inverno si trasformano in piste da sci. Qui non i sono molte piste, ma le difficoltà sono abbastanza varie. Le rosse presentano comunque dei muretti di tutto rispetto, ma quando si attraversa la nera (la famosa “Pista Tomba” si capisce… fa abbastanza impressione già così, personalmente non ci tengo a provarla in inverno…

Si arriva così in prossimità del Rifugio Negritella, da qui al cocuzzolo più panoramico del mondo sono ancora pochi minuti a piedi.

E il figlio può sfogarsi nel parchetto (se lo è meritato…)

Categorie: escursionismo, miei trek | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Dall’alba al tramonto

lastampa.it, 20/12/2018

Le pareti rocciose si stagliano nel cielo rosa dell’alba, per diventare infuocate con quello rosso del tramonto. È la luce dell’inverno a rendere questo volo con il drone sulle Dolomiti spettacolare. La temperatura ambientale va dai -12 ai -20 gradi. ”E’ un posto semplicemente mistico, affascinante, uno dei quei luoghi che ti fa capire perché l’Italia è uno dei Paesi più turistici del mondo”, ha spiegato il regista.  video Reuters

 

Categorie: intermezzo, montagna | Tag: , | Lascia un commento

La forza della natura, le colpe dell’uomo

Lungo la strada per il Gardeccia (pagina facebook Rifugi del Trentino)

Nei giorni 27-29 ottobre tutta l’Italia è stata flagellata dal maltempo, particolarmente colpite sono state la Liguria, con mareggiate impressionanti che hanno fatto danni indicibili a Rapallo e hanno distrutto la spiaggia di Boccadasse, e le Alpi fra Carnia, Veneto, Alto Adige e Trentino. Piange il cuore vedere boschi interi completamente distrutti, un numero di alberi abbattuti dalla forza del vento che, a chiamare a raccolta i boscaioli delle aree interessate, ci vorrebbero almeno tre anni per abbattere una tal quantità di larici ed abeti.

Carezza – Strada per Passo Costalunga (pagina facebook Rifugi del Trentino)

Le foreste di abeti di risonanza di Paneveggio, del Latemar e della Carnia hanno subito danni impressionanti. Il bellunese è in ginocchio. con comunità che sono rimaste isolate e senza elettricità (la situazione in questa zona è stata ben descritta nel servizio di Diego Bianchi per Propagandalive).

La diga di Comelico, nel servizio andato in onda su Propagandalive

Sul sito DolomitiMeteo è stato pubblicato un articolo nel quale vengono esposte le modalità con cui si è formato questo ciclone, e i dati (impressionanti) relativi alle velocità di picco raggiunte dalle raffiche di vento:

128km/h Passo Valles

148km/h Capo Carbonara (Sardegna)

155km/h colle di Cadibona (Savona)

180km/h Marina di Loano

200km/h Monte Rest (Prealpi carniche)

204km/h Monte gomito (Appennino Tosco-Emiliano)

E, nei giorni successivi, altri disastri in altre regioni. La Sicilia, soprattutto.

Boccadasse, 01/07/2018

Spiaggia di Boccadasse, dopo la tempesta (fonte: ilsussidiario.net)

Ma questa natura “cattiva” non è così per un castigo divino. E’ così perché sta reagendo ai cambiamenti in atto.

Ed è semplicemente colpa nostra.

Colpa dei nostri governi che inseguono l’interesse immediato, di bottega, alla caccia di un ritorno elettorale, senza curarsi degli effetti di lungo termine delle scelte scellerate fatte nel tempo.

Colpa loro che scaricano le responsabilità sugli altri, e la definizione di “ambientalista da salotto” fa particolarmente incazzare se arriva da una componente politica che, avendo governato per vent’anni alcuni dei territori devastati, deve trovare un capro espiatorio, omettendo di dire che i suoi rappresentanti in UE hanno addirittura votato contro il recepimento di quanto stabilito con la COP21.

Colpa dei Governi che si sono via via avvicendati se i soldi per manutenzione del territorio sono insufficienti e vengono spesi male, se somme ingenti vengono spese per coccolare le società che operano nel campo delle fonti fossili, invece di investirle in un serio piano di riconversione radicale dell’economia (che porterebbe pure un sacco di lavoro). Colpa loro se si fanno condoni periodici, se mancano le somme necessarie alle demolizioni degli edifici abusivi, se gli amministratori locali, che si trovano ad operare sul territorio fra minacce e ricatti, sono senza un adeguato sostegno da parte dello Stato.

Colpa nostra che non chiediamo conto di tutto ciò.

Colpa nostra che non ci incazziamo perché siamo pigri, perché basta che abbiamo quello che ci serve (e anche quello che non ci serve), perché basta che non vengano toccati i nostri piccoli interessi di bottega, e il resto chissenefrega.

Colpa nostra che non abbiamo la voglia di scendere in piazza a far casino per tutelare ciò che deve sopravvivere a noi, e che andrà abitato dai nostri figli e nipoti. Colpa nostra che, con le nostre azioni quotidiane, siamo i primi a minare gli equilibri della natura.

I cambiamenti climatici sono in atto, lo sfruttamento del territorio è arrivato a livelli improponibili. Abbiamo ancora poco tempo per intervenire.

Dobbiamo intervenire subito.

Categorie: ambiente, montagna | Tag: , , , , | Lascia un commento

La Hero secondo Max

Sole, caldo (quando va bene, perché se fa brutto sono cavoli amari), panorami splendidi, salite bastarde, discese godibilissime e tratti tecnici che ti costringono ad andare a piedi, sterrato, single track…e crampi.

Tutto questo è la Hero, soprattutto per i “bisonti” che partono dalle ultime griglie.

Ecco il filmato girato dall’Hero di casa. Peccato che a Pian Schiavaneis, oltre alle gambe di Massimo, abbia dato forfait anche la batteria del “baracchino”.

L’ultimo tratto l’ho fatto io il giorno successivo, come rientro da Passo Sella (Clicca qui per il post, con video).

Buona visione!!!

 

Categorie: granfondo mtb, mtb | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Il trenino della Val Gardena

Per puro “caso” (si, insomma, stavo smanettando con un mio video girato in Val Gardena), youtube ha inserito fra i video consigliati questa chicca.

Si tratta di un video degli anni ’50, con protagonista assoluta la ferrovia della Val Gardena, della quale avevo parlato qui.

E’ interessante anche la storia di questo video, raccontata nella didascalia e nei commenti dall’utente che ha caricato il video.

Buona visione!!!

 

 

Categorie: intermezzo, montagna | Tag: , , , , | Lascia un commento

Anello Selva – Passo Sella. Video

Ecco qui il video del percorso ad anello che consente di raggiungere Passo Sella e Città dei Sassi da Selva di val Gardena.

Categorie: i miei giri, mtb | Tag: , , , , | Lascia un commento

Attorno alla Roda

Panoramica dallo Stalòn de Vaèl

Allora: posso finalmente dire che ho trovato un compare di escursioni che, pur non essendo (ancora) all’altezza di quello che piace fare a me, anche se quanto ad altezza fisica manca poco, mi tiene un po’ a freno impedendomi di zompettare qua e là più di quanto consentito dalle ginocchia malandate.

Si, insomma… posso finalmente contare sul figlio, che ora ha nove anni e un passo più che discreto, per non andare sempre in giro da sola.

E dove posso portare un bambino curioso alla scoperta del mondo dolomitico? Attorno alla cresta del Majaré e alla Roda di Vaèl!!!

Già, perché qui di che chiacchierare mentre si cammina ce n’è, dall’origine delle dolomiti (su cui a momenti tiene lezioni lui a me), ai fossili che si possono trovare nelle formazioni su cui sono nate le dolomiti, alle dis-avventure mie di quando, sedicenne, ho fatto l’ascensione di fine corso di arrampicata a Torre Finestra. Oltretutto il tratto dal Rifugio Paolina al Roda di Vaèl è una vita che non lo faccio, quindi…

Quindi si pianifica la giornata in montagna, orario dei mezzi alla mano: qui l’auto la si sposta solo se necessario, e visto che partenza e arrivo non coincidono… si va col bus.

Dalla carta Tabacco 06 – 1:25000 (è un po’ vecchia è vissuta…)

Scelta del percorso

Dunque: tenendo come fissi il Paolina e il Ciampedie, facciamo da Est a Ovest o il contrario?

Diciamo che la logica vorrebbe partenza dal Ciampedie e ritorno dal Paolina, per sfruttare meglio la mattina facendo pausa pranzo sotto alla Roda, d’altra parte facendo così, in caso di peggioramento del tempo, correremmo il rischio di scendere in seggiovia sotto la pioggia (e non è mai un gran divertimento). Ma ciò che fa propendere per percorrenza Ovest-Est è una questione… ehm… pratica: al Ciampedie c’è il parco giochi, e partire da lì è un bel casino. Meglio arrivarci, e al limite fermarsi lì prima di scendere (ovviamente, ometto la trasmissione di questo mio ragionamento allo gnomo).

Quindi ci organizziamo, partenza in bus da Soraga e cambio a Vigo, direzione Carezza, e la fermata è accanto alla partenza della seggiovia per il Paolina. L’attesa della coincidenza è allietata dalla vista sulle vette circostanti.

Roda di Vaèl e Majaré da Vigo

L’escursione

La seggiovia ci porta al Rifugio Paolina (2125m) passando sopra verdi prati che, in inverno, si trasformano in piste da sci; alcuni contadini sono impegnati qui nel taglio dell’erba con mezzi che, dalle mie parti, non si usano più nemmeno per l’erba del giardino. D’altra parte, le pendenze non consentono l’impiego di mezzi di dimensioni maggiori. Incuneato fra i prati c’è anche un campo da golf, disegnato in modo da sfruttare la pendenza del versante. Mentre ci avviciniamo alla cresta del Majaré, la vista si apre accanto a noi sul Latermar e, alle nostre spalle, sulla Val d’Ega e verso Bolzano. Purtroppo la foschia e le nuvole all’orizzonte nascondono alla vista le vette innevate dell’Adamello e dell’Ortles, che da qui sono visibili nelle giornate limpide.

Il Latemar

Verso la Val d’Ega

Dal rifugio imbocchiamo il sentiero in direzione Rifugio Roda di Vaèl (n° 539) che ci fa prendere quota, con una manciata di gradini, fino ad intercettare il n°549, che “circumnaviga” il Catinaccio fra i rifugi Fronza e Roda. Siamo indicativamente all’altezza del monumento a Christomannos, personaggio chiave per lo sviluppo del Turismo nel Sud Tirolo e nelle Dolomiti, e “papà” della cosiddetta “Strada delle Dolomiti”. L’aquila in bronzo è ben visibile lungo il sentiero, appollaiata sopra uno sperone roccioso a circa 2300m, dominante il Passo di Costalunga.

Monumento a Christomannos

Il sentiero ora si snoda agevole, pressoché in quota, aggirando la parte terminale della Cresta del Majaré (qui termina la ferrata omonima), mentre la vista si sposta ora verso Moena e la sovrastante valle verso il San Pellegrino, e, man mano che si procede, verso il Buffaure, la Marmolada, Il Gruppo del Sella. Avvicinandoci ai rifugi Roda di Vaèl e Pederiva compaiono alla nostra vista anche il Larsech, la cresta delle Cigolade e i Mugoni, mentre il pargolo, sollevando lo sguardo dal sentiero, si lascia scappare un sonoro

Wow!!!

Arriviamo così alla nostra prima tappa (2280m circa), e approfittiamo del fatto che siamo arrivati presto per ordinare il pranzo prima che arrivi la “folla”. Mangiamo così con vista sulla Roda di Vaèl e sulla Torre Finestra, lastrone di roccia il cui foro, nelle giuste condizioni di luce, è visibilissimo anche da fondovalle.

Il rifugio Pederiva e, seminascosto, il Roda di Vaèl

Rifugio Roda di Vaèl

Rifugio Pederiva

Con lo sguardo verso il Sella

Ci sediamo poi sul prato, guardandoci intorno e scattando qualche foto. In quel momento suona il telefono. E’ il mio compagno, che, nel frattempo, è andato a fare un giro in mtb.

Senti, ma…. Hai tu le chiavi di casa?

(attimo di panico… il moroso è chiuso fuori di casa)

Cazzo, si, le ho io… mi sono dimenticata di lasciartele. Solo che non riesco mica ad essere giù prima di due ore e mezzo-tre…

La stima è fatta ad minchiam, senza considerare l’eventuale attesa del bus.

Non preoccuparti, finite tranquilli il giro.

Certo, fossi da sola potrei anche scendere diretta verso Vigo, ginocchio permettendo, ma se faccio fare al bambino 800m di dislivello in discesa di corsa, come minimo mi disconosce come madre…

Torre Finestra e Roda di Vaèl

Paolo Fresu in concerto con Musega de Poza, 29/07/2018 – www.lausc.it

Il sentiero verso il Ciampedie

A quel punto ci rimettiamo in moto lungo il sentiero 545. L’inizio è ostico, nel senso che il dislivello che separa i rifugi dal sottostante Stalòn de Vaèl è di circa 250m, e il primo tratto di sentiero è molto ripido ed inciso dall’acqua. Arrivati nell’ampia conca erbosa però si procede agevolmente, con una splendida vista sulle cime che ci avvolgono, come se si trattasse di un teatro naturale.

E proprio questo scenario naturale è stato sfruttato anche per spettacoli in alta quota. Ad esempio, nell’ambito de “I suoni delle Dolomiti” a fine luglio in questa zona si è tenuto un concerto con Paolo Fresu e la banda Musega de Poza (nel link il video). Ecco, Fresu è uno degli artisti che spesso si esibiscono in quota, e purtroppo non sono ancora riuscita ad assistere ad un suo concerto…

Si scende lungo una forestale, a tratti ripida, fino alla malga Vaèl, da qui si procede ulteriormente seguendo i segnavia (attenzione, perché la vecchia strada non è più percorribile) e, dopo il torrente, si segue un sentiero ben segnalato che si addentra nel bosco.

Qui si procede per un primo tratto in salita e poi ci si mantiene in quota, dapprima nel bosco, successivamente si percorre una zona piuttosto scoscesa caratterizzata dalla presenza di speroni di roccia fittamente stratificata e parecchio fratturata, che forniscono l’occasione per un piccolo ripasso di geologia…

Occhio ai sassi…

Si rientra ancora nel bosco, che a tratti, si fa meno rado, finché non si sbuca sulla pista da sci che scende verso Vigo.

A lezione di geologia

La si attraversa e si riprende nuovamente il sentiero. Ma manca poco: percorso un breve tratto si intravede la sottostante sterrata, si scende e ci si ritrova a percorrere il primo tratto della pista Thoni. Si passa fra due rocce e si costeggia il rifugio Negritella. Si alza lo sguardo ed eccolo lì, il Ciampedie, la terrazza sul Catinaccio.

Il Ciampedie

Verso il Vajolet

Visto il casino combinato con le chiavi, non possiamo goderci più di tanto il panorama (e nemmeno usufruire del parco giochi). Ci avviamo quasi subito verso la funivia, alla ricerca del primo bus utile per tornare a casa (col capo cosparso di cenere).

Categorie: escursionismo, miei trek | Tag: , , , , , , , | 1 commento

Ad avercene…

Devo fare i complimenti ai tre tizi in mtb che ieri ci hanno superato sul sentiero fra i rifugi Vajolet e Principe.

A parte che già fare Gardeccia-Vajolet è durissima e qui arrivano in pochi, mai però avrei pensato di veder qualcuno proseguire oltre (magari parlando al telefono…).

Il dislivello totale da fondovalle è di 1300m. Il problema, ovviamente, non è tanto quello, ma i tratti ripidissimi sotto al Vajolet e la presenza di escursionisti: fino al Rifugio Vajolet il tragitto è molto frequentato, dopo, invece, il “traffico” si riduce, ma il sentiero si stringe e capita di dover fare lo slalom fra gruppi in salita e discesa (il primo biker si è infilato, lungo un ripido strappo, fra noi e una famigliola in discesa, facendo il pelo ad una bimba).

Fra i rifugi Vajolet e Passo Principe

Il sentiero verso Passo Antermoja

Non contenti, dal Principe si sono diretti verso passo Antermoja.

Mi chiedo però: è divertente avventurarsi su sentieri così poco pedalabili? Intendiamoci, io mi sono fatta due volte la traversata dei Monzoni e non ne avevo abbastanza per farla dignitosamente, ma in salita, se uno è allenato, la fa quasi tutta in sella. Qui però si tratta di sentierini su ghiaioni, da fare a piedi in salita, a cui seguono sentierini su ghiaioni, da fare a piedi in discesa. Fuori stagione è già un altro discorso, ma in agosto, anche se di sabato (è giorno di partenze e arrivi, su questi sentieri c’è meno casino) non mi sembra proprio il top.

Insomma, ad avercene io comunque sceglierei altri percorsi, e qui continuerei a venirci a piedi.

Categorie: intermezzo, mtb | Tag: , , | 1 commento

La forma dell’acqua

“Che fai?” gli domandai. E lui, a sua volta, mi fece una domanda. “Qual è la forma dell’acqua?”. “Ma l’acqua non ha forma!” dissi ridendo: “Piglia la forma che le viene data”.

Andrea Camilleri “La forma dell’acqua” – Sellerio editore, 1994

L’acqua non ha forma.

Ma cosa succede se l’acqua è troppa per la forma che generalmente la contiene, e se questa forma non è fissa, ma può mutare?

Il 3 luglio in Val di Fassa (e in altre zone del Trentino) si sono verificati fortissimi temporali, ma nella zona di Moena la natura si è accanita in modo estremamente intenso, causando numerose frane e l’esondazione del torrente Costalunga. Le immagini radar della Protezione Civile del Trentino hanno evidenziato una zona circolare con un raggio di 6 chilometri centrato sull’abitato di Moena, in cui si sono concentrate le precipitazioni dalle ore 14 alle 18, con circa 130 millimetri di pioggia. Ci sarebbe, prima di tutto, da chiedersi quanto ci sia di veramente “naturale” in fenomeni così estremi e sempre più frequenti, e quanto c’entrino le conseguenze delle attività umane con le modifiche, sempre più evidenti, subite dal ciclo delle stagioni… ma, per il momento, passiamo oltre…

Una tale quantità d’acqua prende al forma che sta al di fuori del contenitore abituale, ne stravolge la forma, modifica ciò che sta intorno. Si crea nuovi “contenitori provvisori”, a volte.

Mentre girando per Moena puoi non cogliere i segni visibili di ciò che è successo poco più di un mese fa, appena metti il naso fuori dal centro abitato te ne accorgi, che qualcosa è successo. Sulla strada per Passo San Pellegrino è attivo un cantiere, nei pressi di Malga Roncac, spostata di lato alla strada, c’è ancora una transenna con il cartello di divieto di transito su una forestale che scavalca il Rio Costalunga.

Lunedì mi sono imbattuta nelle conseguenze concrete di questi fenomeni “naturali”. Anche se minacciava pioggia, sono partita per andare a Passo San Pellegrino via sterrato, percorso che ho fatto più volte (ne ho parlato, ad esempio, nel post dedicato a Fuciade, e rientra anche nel percorso ad anello attraverso i Monzoni, che non ho ancora avuto il tempo di mettere nero su bianco).

Dopo essere passata dietro la partenza della funivia del Lusia, ho seguito la strada in destra torrente fino al punto in cui la statale passa sopra al torrente. Qui si percorre in discesa il ponte e si riprende lo sterrato sul lato opposto della valle. Qui ho trovato affisso il cartello con l’ordinanza di chiusura di una forestale che transita a monte di Moena, ma, dato che non riguardava la strada che dovevo percorrere io, sono andata avanti.

Non è che poi la mia escursione sia proseguita molto oltre quel cartello… Appena la forestale è diventata un po’ più ripida, i segni del passaggio dell’acqua si sono fatti via via più marcati. L’ottimo fondo della forestale è stato totalmente rimaneggiato dalla furia dell’acqua, che ha asportato il fine, smosso ciottoli, scoperto il substrato roccioso e scavato solchi profondi una spanna.

Io ho provato a proseguire per un po’, in parte pedalando, ma con la difficoltà a seguire una traiettoria senza infilare la ruota in una buca. Ho spinto la bici per un tratto, poi mi sono arresa e sono tornata indietro, perché non l’ho trovato per nulla divertente.

Ho saputo poi che la forestale chiusa, citata nell’ordinanza, è franata per un tratto, e richiede interventi di ripristino.

Ecco, forse la prossima volta che ci saranno danni da maltempo sarà opportuno fare una visitina all’ufficio turistico, prima di pianificare le escursioni…

Categorie: ambiente, montagna | Tag: , , , , | 1 commento

Blog su WordPress.com.