Archivio dell'autore: Barbara G.

Piccola rivoluzione in Val di Fassa

Chi si appresta a passeggiare o pedalare fra boschi e cime della Val di Fassa si trova a fare i conti con alcune novità e con qualche intoppo di natura ambientale.

p_20190807_115315_pn1956566443.jpg

Val San Nicolò

Sentieri aperti: meglio informarsi in anticipo

Partiamo dal secondo aspetto, su cui tornerò successivamente, perché è una ferita aperta per questi luoghi e per chi li vive. Lo scorso autunno il ciclone Vaia ha picchiato duro in alcune zone e i lavori di rimozione dei tronchi sono ancora in corso. Se poi ci mettiamo anche alcuni forti temporali che hanno danneggiato pesantemente qualche sentiero, ci troviamo con numerosi sentieri o percorsi forestali chiusi o interrotti in più punti. È quindi importante verificare la percorribilità dell’itinerario prescelto, onde evitare spiacevoli inconvenienti. Sul sito ufficiale dell’APT della Val di Fassa è stata aperta una sezione dedicata, con l’elenco dei sentieri e dei percorsi forestali e del relativo stato (è possibile filtrare per comune, zona di riferimento, stato percorso). Sul sito Visittrentino sono inoltre disponibili mappe interattive con indicazione delle aree interdette (sono relative all’intero territorio del Trentino e delle zone limitrofe).

p_20190807_165925_vhdr_auto_11424590665.jpg

Riferimenti per info aggiornate

Modalità di accesso alle valli laterali

Altra novità riguarda le modifiche alle modalità di accesso alle valli laterali, soprattutto per quanto riguarda il comune di Sen Jan (Pozza + Vigo). In particolare :

  • La Val San Nicolò è chiusa al traffico, per accedere o si sale a piedi o si prende la navetta da Pera-Pozza o da Vidor;
  • È stato eliminato il servizio navetta per il Gardeccia, qui si può arrivare dal Ciampedie (arrivo funivia da Vigo) o da Pian Pecei (arrivo seggiovia da Pera), aggiungendo quindi 30-45 minuti di cammino.
p_20190807_170222_vhdr_auto_11360773204.jpg

Quadro sinottico servizi di trasporto

Alcuni rifugisti non l’hanno presa bene, perché temono un calo delle presenze dovuto all’allungarsi dei tempi di percorrenza e all’aumento dei costi (gli impianti di risalita costa più della navetta, a meno che non si possa utilizzare La tessera PanoramaPass). Diciamo la verità: trovare la Val San Nicolò sgombra dalle auto è un toccasana, mentre la valle del Gardeccia ha, obiettivamente, problemi notevoli di frane e dissesti di vario genere, numerosi sono stati gli interventi di ripristino resisi necessari negli.ultimi anni.

Categorie: escursionismo, Info Turistiche | Tag: , , | Lascia un commento

Hero kids 2019

Venerdì 14 giugno, nel pomeriggio, uno stuolo di bambini fra i 4 e i 12 anni si è riversato per le strade di Selva, per scoprire il piccolo eroe che ognuno si porta dentro e che chiede solo di essere svelato. Anche questo anno i percorsi previsti sono stati tre

  • 4-5 anni: percorso 800m
  • 6-8 anni: percorso 2,3km
  • 9-12 anni: percorso 3km

I più grandicelli hanno l’opportunità di cimentarsi con la discesa finale della Hero “dei grandi” prima di portarsi all’arrivo.

kids 2019

I tre percorsi di gara

Vedere questi ranocchietti vestiti (quasi) tutti uguali, pronti scalpitanti al via e poi lanciati per le strade di Selva, pedalando o spingendo la bici, è sempre uno spettacolo.

E alla fine, festa e merenda per tutti. Perché è una festa, non una gara. L’unico premio (una bici nuova fiammante) è ad estrazione.

E il prossimo anno (se papà avrà ancora voglia di soffrire sul percorso medio) verremo ancora, col nostro marmocchio.

Faccio solo un appello agli organizzatori: le misure delle magliette andrebbero riviste. La massima è una 152, e ai più grandicelli va corta.

Categorie: mtb | Tag: , , , , | Lascia un commento

Cargobaby

Stamattina a Milano.

Categorie: mobilità sostenibile | Tag: , , | Lascia un commento

Leonardo va a nanna presto

Giovedì sera c’è stata la cerimonia di apertura ufficiale della Hero 2019, la decima edizione.

Noi, fra cazzeggio e sosta al bar, siamo arrivati tardi, ma abbiamo avuto comunque modo di vedere come l’organizzazione ha pensato di festeggiare questo primo, importante traguardo.

Sono state passate in rassegna le edizioni passate, attraverso le immagini, ma anche tramite le storie delle persone che fra queste montagne hanno pedalato.

Erano presenti 8 dei 9 senatori, i bikers che hanno completato tutte le prime edizioni, che si sono presentati con la maglia dell’edizione che più hanno nel cuore. Saranno tutti in sella sabato, tranne una ragazza, la cui maglietta conteneva a fatica una pancia da gravidanza avanzata. Al posto degli organizzatori considererei questa edizione come conclusa honoris causa, perché cosa c’è di meglio che generare un potenziale Hero?

Sono poi stati chiamati sul palco i vincitori delle prime edizioni. Per le donne c’era Katrin Schwing, per gli uomini c’erano Mirko Celestino, Juri Ragnoli, Alban Lakata. Insomma, qualcuno mancava. Soprattutto, mancava chi, da solo, “cuba” la vittoria di 5 Hero (che, calcolatrice alla mano, fanno il 55% di quelle disputate), a cui vanno sommati un secondo ed un terzo posto. Si, insomma, mancava Leonardo Paez, che ci tiene a vincere la sesta volta e non deroga alla sua ferrea disciplina nemmeno per una simile occasione. Insomma, a nanna alle 21, per essere pronto per oggi!

Categorie: granfondo mtb, mtb, persone | Tag: , , | Lascia un commento

Aria da Hero

Selva ci accoglie con un sole che va e viene, ma quando c’è è ben caldo, e con qualche goccia di pioggia. Ovviamente gi striscioni neri con logo e sponsor, di varia foggia e dimensioni, campeggiano in ogni dove, mentre per strada si incontrano bikers che si allenano vestendo le divise delle scorse edizioni. Scendiamo in paese, io, il moroso e lo gnomo (si, insomma, è quasi più alto di me…) e l’unica non griffata Hero sono io. I due maschietti hanno il cappellino da “reduci”, Massimo, non contento, ha pure la maglietta Assietta Legend e lo zaino Alta Valtellina Bike Marathon, che tanto è tutto in tinta. E in paese è un fiorire di bikers che palesano la loro “identità geografica” (Ladispoli, Alghero…) o i galloni conquistati sul campo (Capoliveri, Lavaredo,….).

E’ solo mercoledì, ma i primi Heroes sono già qui.

Categorie: granfondo mtb, mtb | Tag: , | Lascia un commento

Cremona, Pedalata Resistente

pedalata resistente 19

Giovedì 25 aprile 2019 l’ARCI di Cremona festeggerà l’anniversario della Liberazione con una “biciclettata resistente” attraverso i quartieri della città, con partenza dalla Casa dell’Accoglienza e arrivo al Parco al Po.

Per informazioni visitate la pagina dell’evento facebook dedicato

Aderiscono all’iniziativa:

Acli Cremona
ANPI Provincia di Cremona
Auser Unipop Cremona
Caritas Cremonese
Cgil Cremona
Lagaredesgars
Nonsolonoi
Pedalando Faticando
Rete Donne Se Non Ora Quando? – Cremona
Tavola della Pace di Cremona
Uisp Cremona

Categorie: bicicletta, storia | Tag: , , | Lascia un commento

Anima Montis 2019

Il 28 Marzo prende il via la terza edizione di ANIMAMONTIS Le voci della montagna, rassegna dedicata alla cultura della montagna, promossa e sostenuta dall’Unione di Comuni Lombarda  “Terre di Cascine” Comune di Castelverde e Comune di Pozzaglio ed Uniti e dal Club Alpino Italiano Sezione di Cremona.

Potete trovare un articolo dettagliato sull’evento consultando la sezione L’Eco del Popolo di Welfarenetwork.it

Categorie: montagna | Tag: , | Lascia un commento

Eroici

Segnalo due eventi con protagonista L’Eroica, il primo a Milano e il secondo a Cremona.

*****

L’Eroico: Docufilm su Luciano Berruti

27/03/2018 ore 20 presso Upcycle Café – Milano

Ricordi e storie con Giancarlo Brocci e Peppino Drali

INGRESSO GRATUITO CON PRENOTAZIONE OBBLIGATORIA SU EVENTBRITE: PRENOTA IL TUO POSTO

Tra i novantadue partenti della prima edizione del 1997 dell’Eroica c’era anche anche Luciano, un ometto con una luce negli occhi accecante e dei simpatici baffoni vintage, da allora testimone e interprete del ciclismo eroico, cittadino onorario di Gaiole in Chianti, ideatore e proprietario del Museo della Bicicletta di Cosseria, casa sua, in provincia di Savona. Marco Rimondi è regista del docufilm L’EROICO che lo ritrae qualche tempo prima della sua scomparsa e ricordato da chi lo conosceva bene,

Dopo la proiezione ospiti e amici si fermeranno per la Cena degli Eroici (h.21:30)
La cena è su prenotazione, scrivi a events@upcyclecafe.com
Menu toscano: antipasto misto toscano, ribollita, dolci assortiti, vin santo con cantucci, bevande incluse – 22euro

*****

La bellezza della fatica e il gusto dell’impresa

12/04/2019 ore 18.30 presso “La Gare des Gars” – Cremona

Il “caso Eroica” raccontato dal suo inventore, Giancarlo Brocci, presso la ciclofficina sociale di via Dante.

 

Categorie: granfondo sterrato, persone | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Potrebbe andare meglio, potrebbe piovere

Il Po in secca

Venerdì a casa, finalmente un giorno libero in una bella giornata. Stavolta l’occasione non me la faccio scappare, rispolvero la mia mtb. Prima però il figlio da portare a scuola, la spesa da fare (perché posso anche togliermi la fame di bici, ma se il frigo è vuoto la sera sono cavoli amari), poi finalmente via, in sella!!!

A me piace andare in giro in questo periodo. Gli alberi sono ancora spogli, i campi sono a riposo, o si colorano di un verde brillante se già seminati… e si riescono a cogliere le lievi ondulazioni del terreno lasciate dall’acqua che occupava queste campagne, prima che Adda e Serio si ritirassero verso gli alvei attuali e le bonifiche facessero il resto. La pianura non è poi così piatta, ma quando cresce il mais viene tutto livellato.

Roggione zona Sant’Archelao

E avvicinandosi al corso dei fiumi il lavoro fatto dall’acqua è sempre più visibile.

Già, l’acqua. Quale acqua? Si fa quasi fatica a nominarla. Sono mesi che non piove, al massimo uno sputacchio insignificante ogni tanto. In montagna è nevicato poco. E quando si arriva alla Morta dell’Adda lo spettacolo è sconsolante.

Morta dell’Adda, 08/03/2019

Morta dell’Adda, 08/03/2019

Foto scattata dallo stesso punto della precedente, settembre 2016

C’è pochissima acqua, due aironi sulla sponda opposta se ne volano via. Qui ci sono stata spesso, anche in inverno (mi è capitato di trovare tutto ghiacciato), ma sinceramente non ricordo di aver mai trovato una situazione del genere, nemmeno in piena estate.

E anche il Po non scherza: quardando verso la Bocca d’Adda e Isola Serafini si notano spiaggioni immensi, e il la prua di una barca di legno che emerge dalla sabbia.

Il Po nei pressi della Bocca dell’Adda

La situazione è drammatica, gli agricoltori sono seriamente preoccupati.

E questi periodi di siccità saranno sempre più frequenti, visti i cambiamenti che stanno apportando all’ambiente con il nostro stile di vita assolutamente non compatibile con gli equilibri ambientali. Serve, e rapidamente, un cambio di passo radicale, se non vogliamo diventare anche noi dei profughi climatici.

Venerdì 15/03 ci sarà lo Sciopero Globale per il Clima, una mobilitazione geneale per chiedere misure serie a mitigazione dei cambiamenti climatici. Speriamo che chi ha il potere di prendere decisioni si decida ad agire, perché senza politiche di ampio respiro e una visione sul.lungo periodo i comportamenti dei singoli servono a poco.

15 marzo 2019 – Sciopero Globale per il Clima

Categorie: ambiente, mtb | Tag: , , , , | Lascia un commento

Orange is the new black (carbon)

Meglio l’arancione del nero delle macchine da “sborone”.

Meglio l’arancione… del black carbon.

Ma mica solo l’arancione…anche il giallo: a quanto pare la flotta delle bici a flusso libero di Milano è stata potenziata. E le bici sono usatissime.

Una flotta colorata sta invadendo la città, integrando i mezzi pubblici e la flotta bike sharing del comune, dimostrando che in città dell’auto se ne può fare tranquillamente a meno.

Categorie: mobilità sostenibile | Tag: , | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.