Articoli con tag: San Nicolò

Sempre santi e madonne…

Scorcio sul Catinaccio e i Dirupi di Larsech

E niente, sarà anche corto, ma il percorso da Pozza di Fassa alla Baita alle Cascate (Val San Nicolò) mi bastona sempre. Sarà la partenza pronti-via, sarà lo scarso allenamento, ma gli strappi su sterrato fra il Soldanella e Malga Crocefisso mi fanno sempre sanguinare le orecchie. E non è che il tratto in asfalto prima di Sauch sia una passeggiata…

Stavolta però, come per gli altri giri di quest anno, ho approfittato per provare il “baracchino” nuovo, il ciclocomputer che fa anche dei video di lunghezza limitata (9 secondi al massimo).

Questo è il primissimo esperimento di assemblaggio. Ho dovuto smadonnare un po’, perché uno dei programmi di assemblaggio non i importava i filmanti perché risultavano protetti, li ho dovuti importare prima con un altro programma. E comunque non mi ha fatto tagli e giunzioni in modo impeccabile, e, dulcis in fundo, alcune parti vanno a scatti e altre no… Insomma, devo ancora capire bene come “domare” il software (o se è il caso di passare ad altro). Però… sono soddisfatta della scelta musicale!!! 😀

Speriamo che il prossimo riesca meglio…

I Maerins e il Catinaccio dal prato antistante Baita alle Cascate

Col Ombert

Annunci
Categorie: i miei giri, mtb | Tag: , , | Lascia un commento

Lagusèl

DSC_1760

Per la serie “in montagna con lo gnomo” ecco a voi un’escursione formato famiglia, contenuta in termini di lunghezza e dislivello, che, tramite una forestale con fondo buono ma con tratti parecchio ripidi, vi conduce in un posto delizioso e un po’ nascosto, tutto sommato non molto frequentato.

Il Lagusèl si trova in sinistra idrografica della Val San Nicolò, è un piccolo lago originato dal rimodellamento dei versanti operato dai ghiacci e dall’accumulo di materiale franato dalle vette circostanti. I prati circostanti sono utilizzati da alcuni secoli come pascolo e per produzione di fieno, come testimoniato dalle numerose baite presenti nelle vicinanze (una risale al 1600 e rotti). Non ha immissari, è alimentato dall’acqua che filtra nel terreno lungo le sponde.

IMG_20160811_144551

Mezzo di trasporto

Si possono seguire tre diversi percorsi per arrivare qui:

  • Tramite una forestale (segnavia 640) che si stacca dalla Strada dei Rossi in corrispondenza di un sentierino che conduce a Mezza selva (è l’itinerario descritto in seguito);
  • Tramite un sentiero (n°641) che parte dalla Val Monzoni in località Pont da Ciàmp, poco sotto le rovine del rifugio omonimo, svalica in corrispondenza della Forcella dal Pièf e si affaccia su una conca a monte del lago;
  • Tramite un sentiero (n°641) che parte sempre da Strada dei Rossi in corrispondenza di un guado sul torrente, sale fino Sella Palàcia (situata circa 100m più in alto rispetto al lago) e scende nella conca; il sentiero è il proseguimento di quello che sale dalla Val Monzoni.

L’idea iniziale era quella di scendere per quest ultimo percorso, ma lo gnomo ha detto no, quindi abbiamo fatto avanti e indietro sullo stesso percorso.

Una piccola avvertenza: in tanti anni in val di Fassa l’unica zona dove ho visto delle vipere (sempre morte, a dire il vero…) è proprio questa. Sarà stata solo sfiga…ma occhio, non si sa mai…

mappa lagusèl

Mappa Val San Nicolò

Il percorso

Il punto di partenza è costituito dal parcheggio di Sauch (oltre con l’auto non si può andare) e si prende la Strada dei Rossi, che passa proprio accanto al parcheggio. Questa strada sterrata, che risale la valle abbastanza dolcemente costeggiando il torrente, è stata costruita dai prigionieri russi durante la Grande Guerra. Grazie all’esposizione e al fatto che corre quasi interamente nel bosco, costituisce una valida alternativa estiva alla strada di fondovalle, che è asfaltata ed interamente al sole.

DSC_1844

Maerins e cresta Buffaure da Strada dei Rossi

DSC_1802

Tronco #1

Si risale la valle per 15-20 minuti e si incontra la deviazione per il Lagusèl. E’ ben segnalata (l’indicazione riporta un tempo di percorrenza di 1h15′), lumgo il percorso sono presenti anche alcuni pannelli tematici, a dire il vero un po’ danneggiati. Proprio all’inizio della forestale per il lago c’è una cartina schematica con una poesia scritta dai bambini della quinta elementare di Pozza di… vent’anni fa. Ora questi bambini hanno trent’anni, magari hanno a loro volta figli che scrivono poesie sui luoghi magici della loro infanzia…

Da qui il percorso si fa decisamente più ripido, quasi interamente in un bosco abbastanza fitto, che comunque consente di ammirare la Val San Nicolò e la cresta che la separa da val Jumela e conca del Ciampac, con il rumore delle campane delle mucche al pascolo che via via si affievolisce. Lungo il tragitto si incontrano alcune deviazioni, non segnalate: si prosegue sempre lungo il tracciato principale.

DSC_1821

Sullo sfondo, la cresta del Buffaure

DSC_1756

Il Lagusèl

img_20160811_130755.jpg

Piccoli fotografi crescono

La strada passa successivamente su una frana relativamente recente, per poi rientrare nel bosco e risalire verso i primi pascoli, costellati da alcune baite. Si prosegue passando accanto ad una stalla in fase di ultimazione, sbucando poco oltre nella conca occupata dal lago.

Vi trovate davanti una pozza di acqua verdissima, con l’acqua che si increspa leggermente quando soffia una leggera brezza, cancellando momentaneamente l’immagine delle vette circostanti e delle nuvole che qui si riflettono come in uno specchio. Concedetevi una pausa qui, fate il giro del lago. A meno che non ci siano comitive rumorose, qui si sente solo l’occasionale fischio delle marmotte. Se poi volete proseguire da qui si può raggiungere la Val Monzoni, oppure, tramite il sentiero attrezzato Gino Badia, il lago delle Selle e l’omonimo passo (per questa escursione, dalla deviazione lungo la strada dei rossi, sono segnalate almeno tre ore, e ovviamente non è per bimbi…).

DSC_1757

Pic nic

DSC_1811

Tronco #2

 

Categorie: escursionismo, miei trek | Tag: , , , | Lascia un commento

San Nicolò winter collection

fassa0004

I Maerins

Dato che, col tempaccio che ha fatto ieri, in Val di Fassa ha nevicato anche a fondovalle, ne approfitto per scrivere due cose relativamente alla Val San Nicolò in versione invernale, e postare qualche foto fatta alcuni anni fa.

Questa valle, che a me piace un sacco, è splendida per ciaspolate in tutta sicurezza (attenzione solo alle motoslitte…che però vi fanno trovare il sentiero già battuto). Talmente in sicurezza che l’ho fatta fino a baita Ciampié incinta di due mesi (e col fagiolino in pancia ne ho fatte di peggio…cose che adesso non rifarei MAI).

Unico “difetto” è che, avendo orientazione Ovest- Est, in inverno è interamente in ombra, ad eccezione della zona vicino al parcheggio di Sauch.

La strada è aperta al traffico fino al ristorante Soldanella, camping Vidor. Oltre, la pista da sci di rientro (quella vecchia) passa sulla sede stradale.

Non riporto la descrizione del percorso, che in sostanza è la stessa del percorso in MTB di cui ho parlato qui. Unica differenza: non è necessario portarsi sulla strada dei russi, si può tranquillamente restare sulla strada principale, dalla quale si gode di un panorama più aperto…e dei raggi del sole.

fassa0006

Fra Mezzaselva e Ciampié

fassa0010

Col Ombert e Passo San Nicolò, da Baita alle Cascate

fassa0012

Cresta del Buffaure e Catinaccio dalla Baita alle Cascate

fassa0015

Cornice di neve…

Categorie: ciaspolate, escursionismo | Tag: , | 1 commento

San Nicolò, il crocifisso e la Madonna

Una persona sana di mente che arriva in montagna senza allenamento (soprattutto senza aver fatto salite nell’ultimo anno) dovrebbe avere il buon senso di scegliere un percorso semplice, con pochi dislivelli.

“Sano di mente”, appunto…

Non volendo fare “avvicinamento” o spostare l’auto, avendo solo il pomeriggio a disposizione e partendo da Pozza ho scelto la val San Nicolò. In pratica… una delle escursioni con più dislivello fra quelle che potevo permettermi di fare (700m circa) e partenza pronti via. Un genio… per fortuna che è corta.

La val San Nicolò sbocca a Pozza di Fassa, dal paese (1300 circa) si sale inizialmente su asfalto e, alternando sterrato e asfalto, fino ai circa 2000m della Baita alle Cascate, ai piedi di passo San Nicolò e del Col Ombert. Sono solo 8 km,  più o meno.

A sinistra la cresta del Buffaure, a destra i gruppi Vallaccia e Monzoni.

Pur senza la deviazione in val Monzoni del percorso segnalato, come prima escursione per una mezza calzetta come me, che quando ha tempo di uscire in bici al massimo può fare gli argini di Po, non è certo una passeggiata,  viste anche le pendenze non proprio tranquille.

Note geologico-escursionistico-paesaggistiche

La valle ha orientazione Ovest, Est ed è molto bella. D’inverno si può percorrere per intero con le ciaspole, il problema è che, data l’orientazione, è quasi tutta in ombra. D’estate si presta per escursioni tranquille e pic nic, ed è punto di partenza/transito per escursioni più lunghe, ad esempio verso Lagusel, gruppi Monzoni e Vallaccia, per il giro del Col Ombert o la traversata verso la Val Contrin, o come itinerario di rientro per chi, proveniente dalla cresta del Buffaure o dal Ciampac, ha percorso il sentiero Pederiva.

In auto si può percorrere fino al parcheggio di Sauch, sono attivi il servizio trenino da Pozza a malga Ciampié e il servizio navetta verso Malga Crocifisso e Val Monzoni.

Osservando la cresta del Buffaure (destra idrografica, in sinistra salendo) si nota che alla roccia chiara (dolomia) che costituisce la parte bassa (sono evidenti i due speroni dei Maerins, le “rocce gemelle”) si sovrappone una roccia scurissima: sono i resti di eruzioni vulcaniche sottomarine che hanno “ucciso” la barriera corallina sottostante. Le zone del Buffaure e dei Monzoni sono un paradiso per i geologi. Verso Passo San Nicolò affiorano rocce stratificate (e io ci ho trovato dei fossili in passato).

Nb. se andate a caccia di fossili o minerali tenete presente che NON si possono rompere le rocce, si può solo raccogliere ciò che si trova.

snicolo google prosp

Il percorso

Partendo dal piazzale della cabinovia del Buffaure c’è la possibilità di percorrere un breve tratto di sterrato che passa accanto ad una centrale elettrica e si reimmette sulla strada asfaltata che risale la valle. Da qui sono meno di 700m  fino al ponte sul torrente davanti al ristorante Soldanella (1,150km da partenza)

Qui c’è la possibilità, senza fare il ponte,  di imboccare uno sterrato in sinistra idrografica del torrente (è la strada usata in inverno dalle motoslitte quando la strada è utilizzata come pista da sci).

Ed è qui che comincio a vedere la madonna. Ad ogni strappo tocco a terra con la lingua. Le gambe non vanno. E non è solo una mia sensazione: il cardiofrequenzimetro non mente, passo i 170. E meno male che sono nel bosco perché fa pure caldo. E giù il piedino perché sto per cascare  (e farsi vedere ad andare in stallo e ribaltarsi perché non si sganciano le scarpe non è mai bello).

Per fortuna arriva la discesa, verso la strada che sale dal paese, sulla quale ci si immette poco prima della deviazione verso la Val Monzoni. Qui (2,600km dalla partenza) c’è una chiesetta, punto di arrivo della via crucis. No, non la mia. Quella vera: dal paese lungo la strada asfaltata ci sono delle edicole con le stazioni della via crucis. Mi pare ci facciano la processione una volta al mese, di venerdì (ma vado a memoria, potrei sbagliarmi…). L’adiacente malga si chiama, non a caso “Crocefisso”.

Da qui, asfalto con alternanza di tratti tranquilli e rampe lunghe e micidiali. L’ultima è mortale, con pendenze fino al 18-19%.

E con la lingua a pulire l’asfalto si arriva al bivio (4,500km), alcune centinaia di metri prima del parcheggio di Sauch: si devia verso un tratto di discesa verso un ponte, ad innestarsi sulla “strada dei russi”, forestale realizzata da prigionieri russi all’epoca della grande guerra. Molto bella, fondo ottimo e pendenze soft, nel bosco.

Volendo è possibile proseguire lungo questa strada, ma più avanti diventa poco agevole da percorrere ed è poi necessario guadare sotto le cascate. Meglio attraversare in corrispondenza di uno dei guadi (con ponticello) in prossimità dell’incrocio con il sentiero 641. Di solito uso il secondo (7,250km), ha un ottimo fondo, anche se c’è sempre parecchia acqua. A farlo in discesa è un po’ bastardo, visto che in uscita si trova una rampetta e se non si sta attenti si finisce in acqua.

Curva secca a destra e si imbocca uno sterrato che sale nel bosco. Siamo quasi alla fine… Qui faccio un incontro inatteso: mi attraversa la strada un capriolo, spaventato da un biker che scende a tavoletta. È la prima volta che ne vedo uno da queste parti (di capriolo, ovviamente… 😉 ).

Questo invece è il regno delle marmotte. Ce ne sono parecchie, con tana anche a pochi metri dalla traccia che attraversa il prato che mi separa dalla meta.

image

Una “local”

image

Manca poco…

Ci si immette sulla strada che arriva dal paese, qui in sterrato e acciottolato e, con un ultimo strappo, si arriva alla Baita.

Il prato, gettonatissimo per Pic Nic con bambini, è ideale per lo “svacco”. E la Baita è “tattica”.

Una torta no, ma uno yogurt con miele me lo concedo…

Le cascate

Le cascate

image

Baita alle cascate. Sullo sfondo, il Col Ombert

image

Anche la mtb si riposa… (sullo sfondo, fra i pini, i Maerins)

Dati utili

Il percorso è indicato come “Tour 206”, attenzione che il tracciato segnalato a malga crocifisso devia verso i Monzoni.

Avendo avuto problemi col gps, ho tracciato percorso con google earth, i dati potrebbero non essere precisissimi.

Lunghezza (da parcheggio cabinovia a baita): 8.100km

Dislivello:655m

Pendenza max asfalto: 19%

Pendenza max sterrato: 17%

Fatto ultima volta: 04/08/2015

Nb. alcuni dati sul percorso integrale, così come segnalato in valle, potete trovarli qui.

Categorie: i miei giri, mtb | Tag: , | 3 commenti

Blog su WordPress.com.