no auto

Riprendiamoci Passo Sella!

Dolomiti, parte la sperimentazione: un passo alpino aperto solo alle biciclette. Messner: “Bene, serve cambio radicale”

Tutti i mercoledì dalle 9 alle 16 il Passo Sella sarà chiuso ad automobili e motociclette. Dal 2018 potrebbe toccare a Pordoi, Gardena e Campolongo. L’alpinista: “Così si apprezza il silenzio”. Ma gli operatori turistici protestano: “È la nostra fine”

di Giuseppe Pietrobelli – ilfattoquotidiano.it, 05/07/2017

Un sogno, le Dolomiti senza auto e senza moto. “Bisogna chiudere al traffico i passi almeno cinque-sei ore al giorno”. Nel luglio di un anno fa l’alpinista Reinhold Messner aveva lanciato questo appello, il giorno dopo la morte in un incidente stradale di Bruno Bonaldi, ex campione di sci nordico e marito di Maria Canins, che in bicicletta si era schiantato contro un furgoncino a San Cassiano, mentre scendeva lungo la strada della Val Parola. Una frase che sembrava dettata da un fatto di cronaca. Ma da allora si è approfondita la riflessione sul bisogno di far ritrovare alla montagna la sua dimensione e di ridarle il silenzio. Al punto che con il primo mercoledì di luglio prende il via una iniziativa che potrebbe essere il primo passo verso un futuro in cui la montagna non sarà più accessibile con mezzi motorizzati, salvo pullman-navetta, per diventare il regno di cicloturisti e camminatori.

Un sogno possibile? Oltre a Messner, che ne è diventato in qualche modo il portabandiera, ne sono convinti anche gli amministratori delle province autonome di Bolzano e Trento, nonostante debbano fronteggiare le proteste degli albergatori. L’esperimento riguarda, per quest’anno, il Passo Sella che mette in comunicazione Canazei, in Val di Fassa, con Selva di Val Gardena. Ma dal 2018 lo stop al traffico potrebbe essere esteso ai passi Pordoi, Gardena e Campolongo. Ogni mercoledì di luglio e agosto la strada del passo sarà chiusa ai veicoli a motore tra le 9 e le 16. Unici mezzi consentiti, quelli a trazione elettrica, le biciclettee gli autobus del servizio pubblico.

Nel primo mercoledì, Messner partecipa al Passo Sella all’iniziativa di Dolomites Vives, raccontando episodi della sua vita legati al rapporto con le montagne, proprio lui che per primo ha scalato tutti i quattordici Ottomila della terra. Ai giornali locali ha spiegato l’importanza di un evento che significa una svolta non solo nel rapporto dell’uomo con la natura, ma anche del turismo di massa con la conservazione dell’ambiente.

“Questo è più che un primo passo verso il futuro. So che per fare ciò che per me sarebbe assolutamente necessario ci vorranno anni: la maggior parte dei passi dolomitici andrebbero chiusi, almeno per gran parte della giornata”. Un ritorno al passato? Messner è convinto del contrario. “Il futuro sta in un cambio radicale delle nostre Dolomiti, anche perché dobbiamo conservare e incentivare quel turismo che punta alla lentezza, al silenzio. Dobbiamo restituire le strade ai ciclisti, che attualmente sono quasi più numerosi di chi si muove a piedi. Sono persone che cercano il silenzio e ora invece abbiamo passi pieni di rumore, di aggressività”.

Messner parla anche da alpinista. “Ti ritrovi in parete e non riesci nemmeno a sentire cosa urlano i tuoi compagni di cordata perché i motori di auto e moto coprono qualsiasi altro suono. Questo non è certamente quello che voleva l’Unesco quando ci ha attribuito il riconoscimento di patrimonio dell’umanità“. Ma per lui non ci sono altre scelte, pur nell’esigenza di garantire a chi lavora in alta montagna la possibilità di portare in quota il necessario per lavorarvi e viverci. “Le ore centrali però vanno preservate dai clacson, dagli automobilisti arrabbiati o dalle moto – ha dichiarato al Corriere dell’Alto Adige – Per imprimere un cambio di rotta sulla mobilità non possiamo fare tutto in un anno. Serviranno navette, un’organizzazione, ulteriori parcheggi, in una parola una strategia che richiederà anni. Ma sono convinto che alla fine avremo più clienti perché riusciremo a offrire ciò che proponevamo una volta”.

Contro l’iniziativa è insorto il Comitato degli operatori turistici dei passi dolomitici che due mesi fa ha incaricato un legale di ricorrere al Tar del Lazio contro la chiusura del passo Sella, decisa dalle Province di Trento e Bolzano, con autorizzazione del ministero delle Infrastrutture. Punto di riferimento del Comitato è Osvaldo Finazzer, che gestisce un albergo sul Passo Pordoi. “Chiudere i passi sarebbe la nostra morte. Per i cicloturisti le amministrazioni comincino a programmare e investire sulle piste ciclabili. Almeno sul circuito del Sellaronda“. E ha trovato una sponda in Veneto, nell’assessore regionale all’Ambiente, il bellunese Giampaolo Bottacin, che ha detto: “La mobilità è un diritto costituzionale, che nessuno può impedire”. Con la pronta replica dell’assessore trentino Mauro Gilmozzi: “I nostri vicini, a casa loro, potranno sempre fare ciò che vogliono. Ma non vorrei che mandassero le forze dell’ordine a presidiare il confine…”.

Categorie: ambiente, bicicletta, no auto | Tag: , , | Lascia un commento

I Giorni Verdi del Sella

da LaStampa, 18/09/2016

Categorie: bicicletta, iniziative, no auto | Tag: , , | Lascia un commento

Sellaronda, fra Hero e comuni mortali

Sulle strade e sui sentieri attorno al Gruppo del Sella è in arrivo un weekend dedicato alle due ruote. Grasse e non.

Sperando nella clemenza del meteo…

18-06: Sellaronda mtb Hero

heroDue percorsi, da 60km e 86km, per 3200m e 4500m di dislivello, in un contesto ambientale da urlo. E per chi sceglie il lungo, il gran finale a Passo Duron (auguri…).

Ma non solo: le manifestazioni cominciano il 16 giugno, inoltre il 17 c’è la Hero kids, per bambini dai 4 ai 12 anni.

hero1

Copyright by Freddy Planinschek – http://www.sellarondahero.com

hero-corto

Percorso corto

hero-lungo

Percorso lungo

19-06: Sellaronda bike day

Una giornata senza auto.

La libertà di pedalare sui 4 passi attorno al Sella, godendosi il panorama, chiacchierando, intrecciando nuove amicizie su due ruote.

Dalle ore 8.30 alle 15.30 le strade attorno al Sella rimarranno chiuse al traffico motorizzato.

Allora cosa aspettate? La montagna chiama: mettetevi in sella ed iniziate a pedalare!

Categorie: bicicletta, granfondo mtb, mtb, no auto | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Appia day

 

APPIA DAY: TUTTI IN BICI SULL’ANTICA E SUGGESTIVA STRADA ROMANA

di Germana Carillo – greenme.it, 12/04/2016

Aperta per un giorno e soltanto a chi è a piedi o in bicicletta: l’8 maggio prossimo è l’Appia Day, l’occasione buona per riappropriarsi in toto della Regina Viarum, con tanto di monumenti aperti gratuitamente, esperti narratori che accompagneranno i visitatori nella storia millenaria della strada più antica, trekking, archeotour in bici, street food, musica e attività per bambini.

Nel ventennale della scomparsa di Antonio Cederna, che tante volte si schierò contro i continui abusi edilizi sull’Appia, torna l’incanto dell’Appia Antica finalmente ciclopedonalizzata e l’occasione per poter considerare la Regina Viarum la pregiata porta d’accesso a una nuova idea di città che investe sul suo territorio, sulla sua cultura, sul suo paesaggio e si mostra più attenta ai cittadini, più moderna, più verde, più vivibile, più sana.

La realizzazione di un unico parco archeologico dalla Colonna Traiana e dal Foro Romano fino ai Colli Albani che ingloba Colosseo, Palatino, Terme di Caracalla, Mura Aureliane e poi via via la Valle della Caffarella e l’area degli Acquedotti ne è un valido esempio.

L’8 maggio si potrà anche scoprire da vicino il percorso del GRAB, il Grande Raccordo Anulare delle Bici, la straordinaria greenway ciclopedonale capitolina che ha il suo tratto più pregiato nella passeggiata archeologica da Piazza Venezia all’Appia Antica e che è nato in continuità con l’idea di Cederna di rendere fruibile e accogliente il percorso monumentale.

L’Appia Day è promosso da un’amplia rete di associazioni locali e nazionali e ha gode del patrocinio del Ministero dei Trasporti e delle Infrastrutture e del Parco Regionale dell’Appia Antica ed è in attesa di ricevere quello del Mibact, del Campidoglio, di Regione e Soprintendenza.

La maggior parte degli eventi sarà concentrata nel tratto dell’antica consolare compreso tra l’ex Cartiera Latina, sede del Parco, e il Mausoleo di Cecilia Metella, ma le iniziative riguarderanno l’intero percorso dal Colosseo a Brindisi. Verranno a Roma, infatti, portando testimonianze dal territorio, molti sindaci attraversati dal cammino dell’Appia Antica, mentre lungo il tratto urbano storici, scrittori, artisti, docenti universitari, giornalisti, naturalisti racconteranno la loro Appia approfondendo i tanti avvenimenti storici, le leggende, le particolarità che vedono l’Appia protagonista fin dal 312 a.C.

Su appiaday.it, sulla pagina fb e sul profilo twitter si potrà consultare il calendario completo degli eventi. Il Comitato promotore, inoltre, invita tutte le associazioni ad aderire all’Appia Day e a organizzare iniziative all’interno di questa grande festa per la città.

Categorie: bicicletta, no auto | Tag: , , | 1 commento

Quelli che… Sellaronda (anche col freddo)

Metti una domenica di metà settembre, l’ultimo giorno prima dell’inizio delle scuole…

Metti il meteo non proprio ideale (anche se per fortuna la pioggia è arrivata più tardi), con 9° in quota alle 13.00…

Non saranno stati i 22000 di fine giugno ma al Sellaronda bike day del 13/9 c’erano comunque circa 5500 persone. Con biciclette di tutti i tipi (handbike comprese), con fisici di tutti i tipi (pance anche capienti comprese).

Ecco qualche scatto “rubacchiato” a Passo Sella, liberato dal rumore delle auto in transito, ad uso delle due ruote (e delle due gambe).

Aspettando l’edizione 2016, che si terrà il 19/06.

www.sellarondabikeday.com – Sellaronda su facebook

La ormai leggendaria Maratona dles Dolomites invece si terrà il 3/7/2016. Info ricavata dalla pagina facebook, il Sito ufficiale è ancora in fase “work in progress”.

DSC_0537_ DSC_0549_ DSC_0552_ DSC_0561_ DSC_0570_

Categorie: bicicletta, no auto | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Sellaronda bike day 2015, atto secondo

Metti una giornata nelle dolomiti, con una bicicletta e la strada completamente libera… Sellaronda bike day è questo, ovvero la possibilità di fare il giro del gruppo dell Sella, quello che di solito si fa in inverno con gli sci a piedi…con la bici, su strada.

L’edizione “autunnale” si terrà il

13/09/2015

Per informazioni:

Sellaronda Bike Day

str. Dursan, 80/C
I-39047 S. Cristina

Tel: +39 0471 777 777
Fax: +39 0471 792 235

info@sellarondabikeday.com

www.sellarondabikeday.com

La giornata sarà preceduta da ECOdolomites, ovvero una gara di “efficienza energetica” per veicoli elettrici, che si sfideranno sui quattro passi sabato 12/09, con partenza da Selva di Val Gardena.

Info su www.ecodolomites.com

Categorie: bicicletta, no auto | Tag: , , , , , | 1 commento

Stelviobike 2015

La salita a “Cima Coppi” da Bormio, una giornata senza auto sulle strade.

Una manifestazione sportiva non competitiva, che si terrà il

29/08/2015

Chiusura della strada da Bormio al passo: dalle 8.00 alle 16.00

Per info http://www.stelviobike.eu/

Categorie: bicicletta, no auto | Tag: , | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.