ghiaccio

Un igloo sul Monte Bianco

…basta che non si mettano a sforacchiare a nastro i ghiacciai, che non se la passano tanto bene…

Cena e pernottamento in igloo sotto la cima del Monte Bianco

La società guide alpine: “Un modo diverso di vivere la montagna”

L’igloo è una tana quasi tonda di circa 4 metri di diametro a 3.600 metri e a un’ora dalla funivia del Monte Bianco

di Enrico Martinet – lastampa.it, 22/12/2016

Come una duna in un deserto candido, un nido scavato nel ghiacciaio nell’anfiteatro che sale verso il Dente del Gigante. In quella tana quasi tonda di circa quattro metri di diametro si può passare una notte a 3600 metri e a un’ora dalla funivia del Monte Bianco. La società guide alpine di Courmayeur, la più antica d’Italia e la seconda al mondo, offre questo «inverno diverso», ai confini di un mondo dei silenzi. E in sicurezza. Vivere il ghiacciaio, scoprirlo dal suo interno, un po’ come accade d’estate sul versante francese (le grotte della Mer de Glace). Con l’aggiunta del pernottamento.

«Diamo la possibilità – dice Giulio Signò, presidente delle guide del Bianco – di vivere una piccola avventura fra le vette in totale sicurezza, anche per poter indicare il modo corretto di andare in montagna». Il ghiacciaio è quello del Gigante, al centro ogni estate di un’attenzione particolare proprio perché i turisti, incuranti di ogni segnale di pericolo e perfino dei cancelli, lo percorrono senza corde e alcuna attrezzatura alpinistica, fino all’assurdità di saltare fra i crepacci, di sbirciare dal bordo dei precipizi».

Ora le guide hanno programmato queste vacanze sul ghiacciaio fra le loro offerte invernali. Per farlo hanno scavato una grande gibbosità fra le Aiguilles Marbrées e il Dente del Gigante e ne hanno ricavato un mini alloggio, tavolo, divano, sedie e letto. Ma gli ospiti non rimarranno da soli, sempre con la guida, anche durante la notte. L’igloo scavato è affacciato sulla Val Ferret. Di laggiù (due chilometri di dislivello) verranno i richiami della civiltà, l’ammiccare delle luci. Per dormire pelli (sintetiche) e sacchi a pelo sono forniti dalle guide. Così come l’andata e ritorno in funivia, con la Skyway e la cena al rifugio Torino, sulla cresta dell’Helbronner. La notte in igloo costa 650 euro per due persone, tutto compreso, attrezzatura, funivia, cena e colazione l’indomani nell’igloo. In più la gita sul ghiacciaio durante il ritorno verso la funivia.

«Sempre per motivi di sicurezza – spiega Signò – vaglieremo la possibilità che le persone possano affrontare la gita che è di circa un’ora». Dal rifugio Torino si partirà dopo la cena per percorrere il ghiacciaio del Gigante in falso piano fino alle aguzze quinte dell’Aiguilles Marbrées. Guida e coppia risaliranno lo scivolo di neve del colle Marbré, per superare la cresta rocciosa e finire sui plateau glaciali verso la meta, l’igloo. Signò: «Nulla di impegnativo, c’è soltanto da camminare e da seguire la tecnica per la sicurezza calzando i ramponi e procedendo in cordata».

Il ghiacciaio del Gigante, ampio e spettacolare, sarà anche la meta per chi vuole attraversarlo con una gita di circa 3 ore e mezzo, sempre accompagnato dalla guida. Il costo è di 85 euro a persona a cui occorre aggiungere i 48 del biglietto della funivia. Sentieri di neve e ghiaccio nel cuore del Bianco.

Categorie: ghiaccio | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.