Articoli con tag: parchi

Il prato di narcisi del Parco dell’Antola devastato dal parcheggio abusivo

Inciviltà dei “cittadini” e poca attenzione da parte delle istituzioni…

montagna.tv, 27/05/2017

29 verbali da 204 euro l’uno, 3 tra 100 euro e due da 102 euro. Questo l’esito di un sopralluogo effettuato domenica scorsa dalla polizia amministrativa al Parco regionale dell’Antola, in Liguria. In località Casa del Romano, dove si trova una delle più belle distese di narcisi, si sono verificati 29 casi di parcheggio abusivo, 3 casi di raccolta di flora protetta e 2 casi di circolazione fuori strada di moto sui prati. Sono ora in corso accertamenti riguardo all’utilizzo di quest’area a destinazione agricola che però è stata trasformata lo scorso weekend in un parcheggio.

In ogni caso, a fine giornata, sono stati sequestrati 500 narcisi. Così ha commentato Guglielmo Jansen, coordinatore regionale del WWF: “In 30 anni di vigilanza non avevo mai visto niente del genere; finti amanti della montagna hanno distrutto i prati di narcisi, c’era chi scorrazzava con la moto lasciando olio sull’erba e solchi e chi posteggiava direttamente sui fiori”. Ricordiamo che, nonostante la legge preveda la raccolta di massimo 5 narcisi a testa, spesso i raccoglitori cercano di nascondere i fiori sotto la giacca o nelle borse.

Jansen ha commentato così la situazione regionale: “Purtroppo i parchi liguri non hanno guardia parco ad esclusione di Portofino; un primato nazionale in negativo che si aggiunge alla drastica riduzione del personale della polizia metropolitana di Genova”.

Categorie: ambiente | Tag: , , | Lascia un commento

Bilancio del 2016: per l’ambiente più ombre che luci

Triskel182

ambiente

Nel 2016 nel campo ambientale ci sono state buone notizie per la capacità delle istituzioni italiane di contribuire agli impegni internazionali per la definizione di obiettivi globali ambiziosi sul cambiamento climatico e per la definizione di piani d’azione efficaci in attuazione delle Direttive europee sulla Natura. Purtroppo dentro i confini nazionali ci si attesta ancora su posizioni di retroguardia, come l’inutile referendum sulla durata delle concessioni delle piattaforme offshore per estrarre combustibili fossili (petrolio e gas) e con riforme che, di fatto (nello Stelvio) e delle norme vigenti (revisione della legge n. 394/1991), depotenziano la tutela della Natura indebolendo la governance delle aree protette e la loro vocazione alla tutela della biodiversità.

View original post 2.267 altre parole

Categorie: ambiente | Tag: , , , , | Lascia un commento

Parco del Beigua patrimonio UNESCO

PARCO DEL BEIGUA, IL POLMONE VERDE LIGURE DIVENTA PATRIMONIO UNESCO

di Dominella Trunfio – greenme.it, 23/11/2015

Era già stato inserito nel 2005 nella Rete globale dei Geoparchi adesso arriva un ulteriore riconoscimento: il Parco del Beigua diventa ufficialmente patrimonio Unesco.

A cavallo tra le province di Genova e Savona, anche questo polmone verde, dopo i Palazzi Rolli e il centro storico di Genova (nel 2006), Portovenere e le Cinque Terre nello Spezzino (nel 1997), conferma l’immenso patrimonio artistico e naturale ligure, che vanta oggi ben tre siti Unesco.

Il riconoscimento arriva direttamente da Parigi dove, la Conferenza generale Unesco, ha approvato la creazione di una nuova categoria di siti, i Geoparchi mondiali, una lista che ad oggi comprende 120 geoparchi in 36 Paesi di cui 69 in Europa e 10 in Italia.

I Geoparchi sono una realtà straordinaria e importante del nostro Paese che merita di essere consolidata sia a livello nazionale che internazionale. Occorre rendere ancora più visibile il lavoro attento, importante e fondamentale realizzato dai Geoparchi italiani, ha detto Vincenza Lomonaco, ambasciatore italiano presso l’Unesco a Parigi.

Oltre al Beigua, sono stati eletti a meraviglie del mondo altri 119 siti.

Una straordinaria occasione che viene fornita alle amministrazioni locali, alle imprese e agli operatori economici impegnati nel settore per promuovere e incentivare il turismo naturale, culturale, sportivo, ricreativo, gastronomico, scolastico e religioso, ha spiegato Daniele Buschiazzo, neo presidente dell’Ente Parco del Beigua.

È un riconoscimento molto prestigioso di cui siamo orgogliosi che vuole premiare non solo le caratteristiche ambientali e storico-culturali del sito del Beigua, ma anche le modalità gestionali adottate per valorizzare e promuovere lo sviluppo locale in questo territorio, ha chiarito Giacomo Giampedrone, assessore all’Ambiente Regione Liguria.

Il Parco naturale regionale del Beigua, il più vasto della Liguria, viene definito come un mosaico di ambienti poiché il suo territorio è tanto bello quanto diversificato. La sua vicinanza al mare unita al dislivello altitudinale regala, infatti,  una vegetazione molto varia e una fauna dominata da lupi, cinghiali, caprioli, lepri, tassi e oltre 86 specie di uccelli ma anche salamandre, tritoni e rane.

Queste caratteristiche rendono il Parco un luogo adatto a trekking, escursioni e sport, in pochi minuti guardandosi intorno ci si immerge a pieni polomoni tra castagni, pini, faggi e non solo. Un territorio incontaminato che riceve un ulteriore riconoscimento per continuare a preservare il proprio paesaggio naturale.

Photo

Categorie: ambiente, escursionismo | Tag: , , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.