Articoli con tag: Himalaya

Kangchenjunga Skyline

Simone Moro e Tamara Lunger si preparano per la traversata del Kangchenjunga senza ossigeno e senza supporto degli sherpa.

Kangchenjunga Skyline

up-climbing.com, 07/04/2017

Gli atleti del team The North Face® Simone Moro e Tamara Lunger annunciano che tenteranno la traversata più alta del pianeta senza il supporto di sherpa né di ossigeno supplementare, una spedizione unica al mondo.

L’impresa avrà luogo nei mesi di aprile e maggio 2017 partendo dall’altopiano del Kangbachen al Yalung Kang (8505m), da cui i due atleti si dirigeranno verso la cima del Kangchenjunga lungo lo skyline montuoso sino alla Cima Sud (8476m), il tutto senza scendere al di sotto degli 8200m e per un totale di 5.5 chilometri in 7 giorni.

Il team intraprenderà una fase di acclimatamento sulla via normalmente utilizzata per l’ascensione al Kangchenjunga; in questa fase verranno anche studiati i possibili punti di uscita durante la traversata. Una volta che l’acclimatamento sarà completato, il duo scalerà la prima parte della via normale fino al campo 1 e successivamente affronterà  una nuova via a nord sino alla cresta e all’altopiano del Kangbachen. Raggiunto questo punto del percorso, Simone e Tamara seguiranno l’intero skyline montuoso verso est per raggiungere le cime Yalung Kang, Kangchenjunga, la Cima Centrale e la Cima Sud per una distanza totale di 5.5 chilometri. Questa scalata ad alto rischio si svolgerà in stile alpino, il che significa che Simone e Tamara porteranno con sé tutto l’equipaggiamento necessario dal campo base per tutta la durata della spedizione senza alcuna possibilità di depositarlo e di ottenere aiuto esterno lungo la via per 7 giorni.

Tamara Lunger e Simone Moro

L’ultima importante impresa che Simone e Tamara hanno compiuto insieme nel febbraio dello scorso anno è stata la prima ascesa in invernale del Nanga Parbat. Durante questo nuovo epico viaggio, si spingeranno al limite rimanendo al di sopra della “death zone” degli 8.000m per 3 giorni di fila.

Per un alpinista, scalare una vetta di 8.000m è di per sé un grande risultato. Una traversata di 3 giorni sopra gli 8.000m è una sfida alquanto rara, ma affrontarla senza alcun supporto né ossigeno è qualcosa di unico!” afferma Simone Moro.“Ci siamo allenati per aiutare i nostri corpi a far fronte allo stress che deriverà dall’affrontare un percorso di questo tipo, ma nessuno di noi sa davvero cosa accadrà a questa altitudine, per un periodo di tempo così lungo. Sarà la forma di esplorazione più autentica, dirigersi verso l’ignoto senza sapere cosa accadrà – ma è un’avventura che entrambi siamo entusiasti di affrontare.

Tamara Lunger aggiunge:

Come alpinista, cerchi costantemente di impegnarti in qualcosa che non ti spinga soltanto a superare i tuoi limiti personali, ma anche i confini dello sport. Quando è nata l’idea di conquistare il Kangchenjunga, mi sono resa conto che era la sfida giusta per raggiungere questi obiettivi. Tutto l’allenamento e la pianificazione del mondo non ti possono preparare completamente ad un’avventura come questa, ma Simone ed io abbiamo la determinazione e la capacità di sognare necessarie per portarla a termine!

Per sapere di più sull’impresa, e per rimanere aggiornato, visita la sezione dedicata del sito di The North Face.

Categorie: alpinismo | Tag: , , , , , | Lascia un commento

Prima invernale al Nanga Parbat

Nanga Parbat: cima e prima invernale per Simone Moro, Ali Sadpara e Alex Txikon

di Vinicio Stefanello – plnetmountain.com, 26/02/2016

Oggi, venerdì 26 febbraio 2016, l’italiano Simone Moro, lo spagnolo Alex Txikon e il pachistano Ali Sadpara hanno realizzato la prima storica salita invernale del Nanga Parbat (8126 metri, Karakorum, Pakistan). L’italiana Tamara Lunger che faceva parte del team si è fermata prima della vetta. Verso le 20:00 circa (Pakistan time) tutti gli alpinisti hanno fatto ritorno al Campo 4 a 7.100m.

Nanga Parbat (8126m) il 26 febbraio 2016, giorno della storica prima salita invernale effettuata da Simone Moro, Alex Txikon e Ali Sadpara. Il quarto membro del team, Tamara Lunger, si era fermata sulla cresta a poca distanza dalla vetta.

Chi la dura la vince. E sicuramente gli italiani Tamara Lunger e Simone Moro, lo spagnolo Alex Txikon e il pachistano Ali Sadpara hanno saputo tenere duro. Ci hanno creduto, si sono adattati, hanno cambiato i loro piani, si sono uniti e hanno resistito anche quando ormai tutti (o quasi) non ci credevano più. Due mesi e mezzo è durato il loro “viaggio”. Un tempo fatto soprattutto di eterne attese, di vento, di freddo “polare”, di una meteo terribile, ma anche di delusioni, cambi di programma e di mille altri impicci. Poi, quasi inaspettato, è arrivato l’attimo fuggente e loro l’hanno saputo cogliere. Oggi alle 15 e 37 (ore locali) Moro, Txikon e Sadpara hanno raggiunto la vetta del Nanga Parbat. Mentre Tamara Lunger si è fermata più sotto ma la sua è comunque un impresa visto che già da questa mattina non stava benissimo. La notizia della vetta è arrivata da Igone Mariezkurrena direttamente dal Campo base dopo una comunicazione con il team degli alpinisti via walkie talkie. E’ la prima volta che la Montagna Nuda viene scalata d’inverno. E questo – comunque la si pensi – è un tassello della storia dell’alpinismo invernale sugli Ottomila, e non solo. Basti pensare che il Nanga contava almeno una trentina di precedenti tentativi in invernale. Da oggi, per completare l’elenco della salite invernali delle 14 montagne più alte, manca solo il K2.

Alex Txikon, Simone Moro, Ali Sadpara e Tamara Lunger al campo base prima della partenza per la storica prima invernale del Nanga Parbat

Altra fondamentale notizia: poco fa dal campo base è arrivata la tanto attesa notizia che (circa alle 20 ora locale, 16 ora italiana) tutti e quattro gli alpinisti hanno fatto ritorno al Campo 4 a 7.100m. Sono passate circa 14 ore dalla partenza dal C4 e 5 giorni dal Campo Base! Adesso, per Moro, Txikon, Sadpara e Lunger resta da compiere l’ultimo importante atto. Li attende un’altra notte e un altro giorno (o due) sulla montagna. Li conforta (e ci conforta) una previsione meteo ancora buona. Noi li aspettiamo al campo base dove tutto sarà veramente finito. Intanto vale la pena di sottolineare come questa cima significhi, per ciascuno dei quattro protagonisti (perché vogliamo associare ai tre della vetta anche Tamara), un risultato assolutamente da incorniciare. Per Simone Moro questa è la quarta prima invernale sugli Ottomila – dopo Shisha Pangma (2005), Makalu (2009) e Gasherbrum II (2011). Nessuno ne ha fatte più di lui!

Alex Txikon, dal canto suo, è il primo spagnolo a scrivere il suo nome sull’albo delle prime invernali dei 14 Ottomila. Poi, assolutamente non per ultimo, resta Ali Sadpara. “E’ un grande alpinista!” ha detto di lui Moro. Non a caso è considerato il miglior alpinista del suo paese e, oltre ad essere il primo pachistano a realizzare una prima invernale su un Ottomila, con la cima del Nanga ha scalato tutti e cinque gli Ottomila del suo paese, oltre all’Everest. Senza contare che questa vetta lo ripaga, con gli interessi, di quello sfortunato tentativo dell’anno scorso che l’aveva visto arrivare, con Daniele Nardi e lo stesso Txikon a 7.800m ma… “fuori rotta” per la cima. Il tutto poi si era concluso con la discesa e la rinuncia a ri-tentare il giorno dopo, anche perché proprio il pachistano non stava bene. Tamara Lunger, infine, aldilà della “non vetta”, ha dimostrato ancora una volta la forza del suo “motore”. Da segnalare, inoltre, che lei era l’unica dei 4 a non aver tentato in precedenza il Nanga d’inverno.

Dicevamo che quella di oggi è una cima che per molti era quasi data per persa. In effetti, tutto o quasi è successo in questi ultimissimi giorni. Il 22 febbraio scorso, alle 5 e 30, i quattro alpinisti hanno lasciato il campo base del versante Diamir. Il loro obiettivo, ormai fissato da tempo, è percorrere la via Kinshofer aperta aperta nel 1962 da Toni Kinshofer con Anderl Mannhardt e Siegfried Loew sul versante Diamir. E’ considerata la via “normale” al Nanga, la seconda ad essere stata percorsa sulla grande montagna dopo la mitica prima solitaria di Hermann Buhl nel 1953. Per Moro e Lunger questa scelta è stata presa solo nell’ultimo periodo, loro all’inizio infatti puntavano a salire lungo la Messner-Eisendle ma il seracco sopra la traversata iniziale era davvero troppo pericoloso. Così la decisione (consensuale) di unirsi a Txikon e Sadpara sulla Kinshofer. In realtà in un primo tempo della partita sembrava essere anche l’alpinista romano Daniele Nardi che poi però ha fatto ritorno a casa. Come del resto prima di lui avevano fatto i componenti delle altre spedizioni (in tutto erano 6) presenti quest’inverno sulla montagna.

Nanga Parbat d’inverno, la montagna nuda di notte

Dunque, eravamo alla partenza dal Campo Base del 22 febbraio. Dopo 10 ore di duro “lavoro” i 4 conquistano i 6.200 metri del Campo 2. Ancora nulla è scontato, e i dubbi sono molti. A cominciare dal loro mancato “acclimatamento”. Per il meteo (e le valanghe) che non hanno dato scampo, la massima quota toccata finora da Txikon e Sadpara è stata 6.700m, mentre Lunger e Moro hanno assaggiato solo i 6100m. Inoltre il pit stop al Campo 2 dura tutto il 23 febbraio causa… bufera di vento stile Nanga. Intanto Karl Kobler, il mago svizzero del meteo, fa le sue previsioni: per venerdì 26, ma soprattutto per sabato e domenica, sono attese condizioni molto buone. Vuol dire che se giovedì riescono a portarsi in alto, ai 7100m del Campo 4, e se venerdì tentano la vetta, poi hanno 2 giorni per scendere con meteo buono. Intanto però hanno ancora l’enormità di quasi 2000 metri di dislivello sopra la testa, l’incognita delle condizioni della via ma soprattutto di come reagiranno alla quota. D’altra parte come dice Moro le probabilità di centrare un’invernale sugli Ottomila è sempre minimissima.

Per fortuna mercoledì 24 la bufera si placa e il team riparte. Dopo 5 ore sono al Campo 3 a quota 6700 metri. Stanno bene, vedono la vetta ma… mancano ancora 1.400 metri di quota da superare. E’ ancora lunghissima. Il programma però procede senza intoppi. Così giovedì 25 raggiungono il Campo 4 a 7.200 metri. Restano ancora quasi 1.000 metri di dislivello da percorrere, i più alti, i meno prevedibili. Può ancora succedere di tutto. Non resta che incrociare le dita e… crederci.

Il resto è storia di oggi. Di poco fa. Simone Moro, Alex Txikon e Ali Sadpara hanno raggiunto per la prima volta la vetta del Nanga Parbat d’inverno. Tamara Lunger s’è fermata sulla cresta, a poca distanza dalla fine della corsa. Vista l’ora, la scelta obbligata e assolutamente più giusta, era di scendere. Il tempo massimo era scaduto: solo due o tre ore separavano i 4 dal buio. E la vetta da raggiungere, a quel punto, era unicamente quella del Campo 4, mille metri più sotto. Sono stati bravi anche in questa scelta. Un vero team. Ora li aspettiamo al Campo Base. Un’altra importantissima meta da raggiungere, la più bella!

Nanga Parbat d’inverno

Categorie: alpinismo | Tag: , , | Lascia un commento

Blog su WordPress.com.