Articoli con tag: borghi

Favola della faina e del lupo cattivo

Le storie di Lou Donn

Vita a Lou Don

C’era una volta una faina scaltra che tutte le sere spiava dalla finestrella della sua baracca gli umani che abitavano in una casetta proprio vicino alla sua. Non appena gli uomini salivano nelle stanze superiori per coricarsi, la faina si avvicinava di soppiatto alla casa, attirata dal tepore che sentiva sprigionarsi da quelle mure e dagli odori delle pietanze che erano state cucinate poche ore prima; all’inizio, timorosa di essere scoperta, la povera bestiola restava incantata davanti al cancello della casetta, confusa sul da farsi. Passava così tanto tempo a contemplare quasi intontita quel posto che ben presto iniziò a portarsi uno spuntino per quegli appostamenti notturni e a fare i suoi bisogni senza ritegno di fronte al cancello degli umani.

Qualche tempo dopo, le persone che vivevano nella casetta si accorsero della cosa e decisero di tendere una trappola (a dirla tutta, una fototrappola) all’animale: speravano di…

View original post 362 altre parole

Categorie: intermezzo | Tag: , , , , | 1 commento

Studenti e territorio – due concorsi per le scuole

Classe Turistica 2017, parte il concorso TCI per le scuole superiori

Tecnologia e un viaggio nelle Dolomiti per i migliori video sul tema del turismo sostenibile

La classe vincitrice nel 2016

touringclub.it, 03/01/2017

Entusiasmo, amore per la natura, conoscenza, mancanza di pregiudizi fanno di un viaggio uno strumento di scoperta, un generatore di domande e di crescita personale. Con questa premessa si apre la nuova edizione di “Classe Turistica. Festival del Turismo Sostenibile nelle Scuole. Educare al Paesaggio”, il concorso che il Touring Club Italiano, in collaborazione con il MIUR, propone a tutte le Scuole Secondarie Superiori d’Italia.

REALIZZARE UN VIDEO DI VIAGGIO

In questa undicesima edizione verrà chiesto agli studenti e ai loro insegnanti di produrre un breve video che valorizzi proposte di turismo sostenibile nel proprio territorio o in quello esplorato nel corso della loro gita scolastica.

Una giuria di scrittori, blogger e giornalisti selezionerà i finalisti che riceveranno con il contributo di Intervideo sistemi interattivi multimediali, e grazie al partner TransDolomites un soggiorno in Val di Fiemme, la suggestiva location dove si svolgeranno le premiazioni 2017.

GLI OBIETTIVI DEL CONCORSO

L’iniziativa nasce non solo con l’intento di educare le giovani generazioni a conoscere e tutelare il proprio territorio proponendo un turismo sostenibile, anche attraverso le nuove tecnologie, ma nasce anche dalla consapevolezza dell’importanza del valore formativo del viaggio d’istruzione, quale momento di arricchimento conoscitivo, culturale, umano e professionale.

E allora che sia al mare o in montagna, in una città d’arte o in una terra di grandi tradizioni artigiane, in un borgo medievale o in una grande metropoli europea, fate del vostro meglio e scatenate la fantasia per un video che renda al meglio il senso del vostro viaggio.

BANDO E MODALITA’ D’ISCRIZIONE

Per partecipare al concorso la classe dovrà compilare entro il 14 aprile 2017, il modulo di iscrizione sul sito www.classeturistica.it

Per visionare il Bando 2017 vai alla pagina dedicata

CONTATTI

Per qualsiasi informazione aggiuntiva scrivi a classeturistica@touringclub.it

Gli studenti dell’edizione 2016 davanti al panorama dolomitico del passo Pordoi

*****

Fotografi di classe

“Fotografi di classe” è il concorso fotografico promosso dall’Associazione Italiana degli Insegnanti di Geografia e sostenuto da De Agostini Scuola e Fondazione Italia Patria della Bellezza, che si propone di promuovere la conoscenza del territorio e l’apprezzamento delle bellezze naturali, culturali, artistiche e artigianali del nostro Paese.

patriadellabellezza,it, 20/12/2016

Il concorso desidera essere un’occasione per insegnanti e ragazzi per svolgere attività motivanti all’aria aperta, promuovendo lo spirito di osservazione, il talento artistico, le mille risorse positive che i giovani sanno raccogliere ed esprimere.

“Scatta” le bellezze sostenibili d’Italia è il tema del concorso con un focus su Centri storici e borghi d’Italia: bellezze singolari da valorizzare per un turismo sostenibile.

Al concorso possono partecipare classi delle scuole di ogni ordine e grado. Sono, pertanto, istituite, tre categorie di partecipanti:

  • Categoria 1: Classi Quarte e Quinte di Scuola primaria;
  • Categoria 2: Classi di Scuola secondaria di primo grado;
  • Categoria 3: Classi di Scuola secondaria di secondo grado.

Ogni Istituzione scolastica può partecipare con più classi. Ogni classe può partecipare al concorso con tre fotografie, valutate singolarmente.

È possibile iscrivere la propria classe al concorso, collegandosi al sito: www.aiig.it

Le iscrizioni si chiuderanno il 10 maggio 2017.

REGOLAMENTO DEL CONCORSO – Download Pdf ›

Categorie: iniziative | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Il borgo dei pupazzi tra i vigneti di Moscato

Nella piccola Maranzana vivono 242 abitanti: adesso hanno anche 38 compaesani di pezza.

di Riccardo Coletti – lastampa,it, 20/08/2016

Maranzana è un piccolo paese dell’Astigiano immerso nei vigneti di Moscato che si affaccia sulle colline alessandrine. Conta 242 abitanti, mille in meno rispetto ad un secolo fa, ma da un paio di mesi ne ha adottati 38. «Paesani» speciali: di pezza, a grandezza naturale.

C’è il panettiere ricoperto di farina, la bimba con un mazzo di fiori per Sant’Antonio, le comari che chiacchierano all’ombra, l’enologo, il volontario di protezione civile che vigila sulle colline e anche il cassaintegrato padre di una bambina con la moglie incinta. «È nato tutto per gioco – racconta la prima cittadina Marilena Ciravegna -. Noi piccoli centri ci chiamano paesi fantasma, una definizione che fa male al cuore ed allora ad una mia consigliera comunale è venuta l’idea».

Rosalba Boccaccio ha la passione per il cucito e nel suo piccolo laboratorio domestico ha imbastito la prima maranzanese di pezza: Paolina «del Capon». Contadina morta alla soglia dei 90 anni 2 lustri fa. Il cognome lo ricordano in pochi perché nei paesi contava, ieri come oggi, il soprannome ed «Il Capon» non è altro che una frazione del paese. «Donna laboriosa – raccontano -. Sempre con il foulard sui capelli ed un cappellino un po’ chic». Una scommessa vinta e il gioco ha contagiato tutto il paese. «In meno di una settimana dai complimenti siamo passati alle richieste – ironizza Rosalba -: uno scapolo “storico” mi ha chiesto una fidanzata. Aveva le idee chiarissime: giovane, bella e prosperosa».

Un gioco laborioso ed allora Rosalba ha subito dovuto ingaggiare delle maestranze. «A darci una mano Francesca Rinaldi, torinese con una casa di villeggiatura in paese – aggiunge la sindaca -. Per ogni personaggio ci vogliono quasi due giorni di lavoro, ma queste signore dalle mani di fata non si sono certo fatte intimidire». Le donne si sono chiuse nel piccolo laboratorio mentre i mariti, Gianni e Piero, si preoccupavano della logistica: dal trasporto ai materiali di recupero.

I «babaci», nome dialettale dei pupazzi, nascono come modello di carta. Ritagliata la stoffa, chiusa a sacco, la si riempie di ovatta. Lo scheletro è in fil di ferro, mentre gli abiti sono tutti originali. «A dipingere i volti la nostra sindaca – svela Rosalba Boccaccio -. Voleva che mantenessi il segreto, ma…». In poche settimane il passaparola ha fatto diventare Maranzana un meta turistica. Un giro per i vigneti, un tour lungo le mura del castello e poi a caccia dei figuranti. C’è chi si siede vicino ai nobili del paese e chi vuole uno scatto con il marinaio Giacomo Bove che proprio dalle colline di Maranzana partì, due secoli fa, per Genova. Gli ufficiali non ne volevano sapere di ammettere un contadino, ma assaggiato il suo vino cambiarono idea, a patto che ne rifornisse gli ufficiali. Giacomo divenne un grande uomo della marina italiana: imbarcato sulla Vega tracciò la prima rotta di Nord-Est.

Categorie: Info Turistiche | Tag: , | Lascia un commento

Crea un sito o un blog gratuitamente presso WordPress.com.