La forma dell’acqua

“Che fai?” gli domandai. E lui, a sua volta, mi fece una domanda. “Qual è la forma dell’acqua?”. “Ma l’acqua non ha forma!” dissi ridendo: “Piglia la forma che le viene data”.

Andrea Camilleri “La forma dell’acqua” – Sellerio editore, 1994

L’acqua non ha forma.

Ma cosa succede se l’acqua è troppa per la forma che generalmente la contiene, e se questa forma non è fissa, ma può mutare?

Il 3 luglio in Val di Fassa (e in altre zone del Trentino) si sono verificati fortissimi temporali, ma nella zona di Moena la natura si è accanita in modo estremamente intenso, causando numerose frane e l’esondazione del torrente Costalunga. Le immagini radar della Protezione Civile del Trentino hanno evidenziato una zona circolare con un raggio di 6 chilometri centrato sull’abitato di Moena, in cui si sono concentrate le precipitazioni dalle ore 14 alle 18, con circa 130 millimetri di pioggia. Ci sarebbe, prima di tutto, da chiedersi quanto ci sia di veramente “naturale” in fenomeni così estremi e sempre più frequenti, e quanto c’entrino le conseguenze delle attività umane con le modifiche, sempre più evidenti, subite dal ciclo delle stagioni… ma, per il momento, passiamo oltre…

Una tale quantità d’acqua prende al forma che sta al di fuori del contenitore abituale, ne stravolge la forma, modifica ciò che sta intorno. Si crea nuovi “contenitori provvisori”, a volte.

Mentre girando per Moena puoi non cogliere i segni visibili di ciò che è successo poco più di un mese fa, appena metti il naso fuori dal centro abitato te ne accorgi, che qualcosa è successo. Sulla strada per Passo San Pellegrino è attivo un cantiere, nei pressi di Malga Roncac, spostata di lato alla strada, c’è ancora una transenna con il cartello di divieto di transito su una forestale che scavalca il Rio Costalunga.

Lunedì mi sono imbattuta nelle conseguenze concrete di questi fenomeni “naturali”. Anche se minacciava pioggia, sono partita per andare a Passo San Pellegrino via sterrato, percorso che ho fatto più volte (ne ho parlato, ad esempio, nel post dedicato a Fuciade, e rientra anche nel percorso ad anello attraverso i Monzoni, che non ho ancora avuto il tempo di mettere nero su bianco).

Dopo essere passata dietro la partenza della funivia del Lusia, ho seguito la strada in destra torrente fino al punto in cui la statale passa sopra al torrente. Qui si percorre in discesa il ponte e si riprende lo sterrato sul lato opposto della valle. Qui ho trovato affisso il cartello con l’ordinanza di chiusura di una forestale che transita a monte di Moena, ma, dato che non riguardava la strada che dovevo percorrere io, sono andata avanti.

Non è che poi la mia escursione sia proseguita molto oltre quel cartello… Appena la forestale è diventata un po’ più ripida, i segni del passaggio dell’acqua si sono fatti via via più marcati. L’ottimo fondo della forestale è stato totalmente rimaneggiato dalla furia dell’acqua, che ha asportato il fine, smosso ciottoli, scoperto il substrato roccioso e scavato solchi profondi una spanna.

Io ho provato a proseguire per un po’, in parte pedalando, ma con la difficoltà a seguire una traiettoria senza infilare la ruota in una buca. Ho spinto la bici per un tratto, poi mi sono arresa e sono tornata indietro, perché non l’ho trovato per nulla divertente.

Ho saputo poi che la forestale chiusa, citata nell’ordinanza, è franata per un tratto, e richiede interventi di ripristino.

Ecco, forse la prossima volta che ci saranno danni da maltempo sarà opportuno fare una visitina all’ufficio turistico, prima di pianificare le escursioni…

Annunci
Categorie: ambiente, montagna | Tag: , , , , | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “La forma dell’acqua

  1. Pingback: Lusia, opzione no-Cune | HaiVolutoLaBici?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: