Maratona 2016

Quando si parla di Maratona… si intende una cosa sola, la Maratona dles Dolomites, appuntamento fisso della prima domenica di luglio: 3 percorsi, il più semplice è il “solo” Sellaronda (55km, 1780m dislivello), per il più tosto (138km, 4230m dislivello) dopo al Sellaronda c’è ancora il Campolongo, il Giau, il Falzarego/Valparola e il tremendo Mur dl Giat a pochi chilometri dall’arrivo.

E’ una manifestazione ambitissima, con accesso a sorteggio perché le richieste di iscrizione sono 3-4 volte il massimo numero di partecipanti, e “green”, con un regolamento molto rigido per quanto riguarda il rispetto dell’ambiente; il tutto in un contesto ambientale da brividi. E val la pena anche solo alzarsi presto per poter vedere in TV il lungo serpentone di bici inerpicarsi sulle salite ai piedi del Sella e del Sassolungo. Il sogno segreto di ogni appassionato: riuscire ad andarci almeno una volta.

Ogni anno viene scelto un tema, che quest’anno è “il viaggio”.

Il viaggio come scoperta
Il viaggio come dialogo
Il viaggio come contaminazione
Il viaggio come guarigione

Il tema scelto per la trentesima edizione della Maratona dles Dolomites – Enel è il VIAGGIO.
Del resto siamo partiti tanto tempo fa e non ci siamo mai fermati.

Da sempre il viaggio è al centro dell’uomo. Si pensava, a cavallo del secolo scorso, che tecnologia e scienza potessero risolvere i problemi del mondo, dalle carestie alle malattie (di fatto la penicillina è stata una grande invenzione). Ma la Belle Époque, con il suo edonismo e l’eccesso di energia avrebbe invece scatenato la Urkatrastrophe, la catastrofe originaria. Una guerra lunga trent’anni, con in mezzo una tregua delle armi, una malcelata voglia di pace. La meta di quel viaggio, fatto di speranza e tecnologia portò invece l’umanità in tutt’altra direzione.

Pensiamo al viaggio di William Anderson nella sua Apollo 8. Oltre allo scoprire nuovi orizzonti, milioni di persone presero coscienza del nostro ecosistema. L’unico pianeta blu e bianco, in mezzo a tutta quella meraviglia luccicante, era la nostra MadrepadreTerra. ‘La visione più bella della mia vita’ la chiamerà il comandante della navicella. Era la Vigilia di Natale del 1968. E quella foto, ‘Earthrise’, il sorgere della Terra, diventerà una delle immagini più evocative di sempre.

Il viaggio più famoso, è risaputo, è quello di Ulisse. La tenacia, l’astuzia, la temerarietà nel varcare la sfera del conoscibile, l’eroismo sono gli elementi che lo accompagnano nel suo vagare infinito. Nel peregrinare Odisseo scopre ricchezza e povertà, matura e nello stesso tempo si spoglia di tutto. Perché quando il viaggio ‘avviene’, trasforma, rende altri, trainando chi viaggia verso l’altrove. E’ come se la vera meta non fosse vedere un luogo, ma imparare a vedere tutto, anche se stessi. Ulisse è la figura del viaggiatore antico, coraggioso. Attraverso il viaggio cerca la libertà e il desiderio di conoscenza per tornare da dove era partito. Eccolo, il Nostoi, il ritorno in noi. Il ritorno a casa. Il più grande desiderio è quello del ritorno, da Penelope, sua moglie, e dal figlio. Non è questa l’innata voglia ancestrale in noi?

Il viaggio è scoperta di nuovi luoghi, ambienti. Ma è anche dialogo, arricchimento, contaminazione. Il viaggio più importante però è quello dentro di noi. Siamo fatti di relazione. Noi siamo relazione con l’altro. Il viaggio a volte è guarigione e cura le ferite della vita. Il viaggio rende leggeri, libera dai pesi, scioglie i vincoli e riduce all’essenziale. Può distrarre gli incantesimi, come scrive Rimbaud, e rincuorare: ‘Ho dovuto viaggiare, distrarre gli incantesimi che si affollavano nel mio cervello. Sul mare, che amavo come se sarebbe stato lui a lavarmi da una sporcizia, vedevo levarsi la croce consolatrice’.

Quel che davvero conta è un viaggio verso il bello, invisibile per un uomo distratto. La bellezza si trova se dentro di noi siamo bellezza. Lo stesso cercare è già un trovare.
Un augurio di cuore a tutti noi, e che il nostro tempo nel viaggio sia un tempo di perdono, cose semplici e vere. Come i passi silenziosi in montagna, le speranze, i sogni che non finiscono mai. Buon viaggio.

Michil Costa

L’appuntamento è il 03/07, partenza gruppo “A” ore 6,30.

Tutte le info sul sito ufficiale

Annunci
Categorie: bicicletta, granfondo strada | Tag: , , , , , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: