Il Cammino di Santiago in bici

Anche se non sono credente i “cammini” mi affascinano molto, perché credo che ognuno possa trovare il suo personale significato ad un viaggio “lento”. Che sia per la fede, l’ecosostenibilità, gli incontri lungo la via o la possibilità di “vivere” i luoghi attraversandoli a bassa velocità, credo che un “cammino” sia prima di tutto un viaggio dentro se stessi.

Il cammino di Santiago in bici: una vacanza low cost ma di alta qualità

helloworld.it, 05/08/2015

Un senso di libertà e, diciamolo pure, una facilitazione non indifferente rispetto alle migliaia di pellegrini che ogni anno lo affrontano a piedi, zaino in spalla e scarpe comode: il cammino di Santiago quest’anno noi lo facciamo in bicicletta!

Il Cammino di Santiago è un percorso che si fa non necessariamente per motivi religiosi ma anche per motivi culturali, per una sfida con noi stessi, per ritagliarsi uno spazio di riflessione intima e personale.

O semplicemente un modo diverso di viaggiare e conoscere il nord della Spagna.

La parte più popolare è il cammino francese, dove incontrerai diversi gruppi di pellegrini… a piedi, in bici, a cavallo, ognuno con i suoi tempi e le sue modalità.

Dichiarato nel 1987 Itinerario culturale Europeo e Patrimonio dell’Umanità dall’UNESCOnel 1993, il Cammino di Santiago di Compostela è il cammino che fin dal Medioevo i pellegrini intraprendono fino alla tomba di Giacomo il Maggiore.

Il punto di partenza principale è Puente la Reina, da lì si possono scegliere diversi percorsi, uno dei più battuti prevede un percorso in bicicletta di circa 740 km.
Se un viaggiatore a piedi percorre circa 20/30 chilometri al giorno, con la bicicletta si percorrono dai 60 ai 90 chilometri.

Il Cammino di Santiago in biciletta quindi si può fare in dieci giorni con la possibilità di avere molto tempo per conoscere e visitare luoghi naturalistici e culturali.

compostela

TAPPE (secondo il percorso che abbiamo scelto):

Partiamo da Pamplona, splendida città della Navarra. Diventata famosa per la controversa corsa dei tori di San Fermin, che ogni anno a luglio attira orde di turisti.

Da Pamplona a Najera: 127 chilomentri attraversando la Rioja, terra famosa per i suoi vini.

Pamplona

Da Najera pedialiamo in direzione di Burgos, antica capitale della Castiglia, dominata dalla splendida Cattedrale di Santa Maria.

Lasciamo Burgos per percorrere 140 chilometri nella splendida meseta castigliana tra enormi spazi aperti e campi di grano fino a Sahagun.

Najera

Da Sahagun 112 chilometri ci separano da Astorga, città dove ammirare il Palazzo Episcopale opera di Gaudì, e la Cattedrale gotica della città.

Astorga – Cebreiro, altra tappa (lunga 115 chilometri) ma che lungo la strada riserva una piacevole sorpresa tra le sue distese di vigneti: due piscine artificiali create sotto un ponte medievale dove poter fare il bagno per una sosta rigenerante.

Penultima tappa: Cebreiro – Melide, 114 chilometri ammirando all’orizzonte il verde dellaGalizia,  prima dell’ultima tappa, solo 55 chilometri da Melide a destinazione: Santiago de Compostela.
Il cammino finisce davanti la Cattedrale di San Giacomo di Compostela.

INFO UTILI

Prima di iniziare il Cammino è necessario iscriversi come pellegrino e ricevere un libretto, la Credenziale del Pellegrino, con la quale potrai usufruire dell’ospitalità negli alloggi durante il Cammino e riceverete il certificato ufficiale all’arrivo.

Per dormire infatti esistono delle soluzioni ad uso esclusivo dei pellegrini che grazie alla Credenziale vengono ospitati gratuitamente, senza possibilità di effettuare prenotazioni e per una sola notte, nei rifugi e negli albergue che esistono lungo il percorso. La precedenza viene chiaramente data a coloro i quali percorrono il cammino a piedi ma le strutture sono numerose e un alloggio per la notte si trova sempre.

Se invece desideri una sistemazione più confortevole, puoi optare per un Parador, strutture a sovvenzione statale spesso ospitate all’interno di edifici storici (castelli o un ex monasteri).
Le soluzioni per arrivare al punto di partenza sono molteplici, consigliamo di atterrare in una delle città della Navarra, dell’Aragona o dei Paesi Baschi: treno, aereo (è possibile raggiungere con dei voli low cost gli aereoporti di Saragozza, Bilbao e Pamplona, macchina, autobus, ognuna di queste soluzioni ti permetterà di viaggiare con la tua bici al seguito. Qui trovi una guida completa su come portare la tua bici in aereo. E se ancora non hai trovato un compagno di avventura, lascia il tuo annuncio qui, ci sono tantissime persone già pronte a partire!

Annunci
Categorie: I tour degli altri | Tag: , , | Lascia un commento

Navigazione articolo

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: