L’ecomuseo della Provincia di Cremona

Alcuni spunti per ri-scoprire il territorio Cremonese… a piedi, in bici.

Il progetto Ecomuseo del territorio

“Il territorio come ecomuseo”: una proposta dell’Amministrazione Provinciale di Cremona per percorrere e scoprire il paesaggio, risultato delle relazioni tra gli uomini e l’ambiente, per leggere e comprendere quell’insieme di segni, impronte ed interventi che sono sedimentazioni nel presente di sistemi ereditati dal passato e tasselli di un mosaico in continuo divenire.

Il progetto presenta una serie di nuclei territoriali da frequentare, apprezzare e capire come un enorme museo vivente creato nel tempo dalla natura e dall’uomo ed in continua evoluzione.

Un museo “diffuso”, la cui esplorazione risulta affascinante quanto quella delle raccolte tradizionali: dedicato al paesaggio, mostra comel’ambiente naturale si è modificato per opera dell’uomo nel corso del tempo.

Nell’area dell’Ecomuseo sono evidenziati gli elementi ambientali tipici e le componenti antropiche che sono memoria del lavoro di centinaia di secoli: insediamenti, campi, manufatti, edifici, vie terrestri e vie d’acqua, fabbriche, macchinari e apparecchiature di ogni genere, toponimi, segni di ripartizioni e di processi di appropriazione del territorio, bonifiche, acquedotti e irrigazioni ….
Le risorse biologiche, gli spazi, i beni e gli oggetti vengono segnalati per promuoverne la conservazione, il restauro, la conoscenza, la fruizione e lo sviluppo secondo criteri di sostenibilità.

“Il territorio come ecomuseo” è un progetto esteso all’intera provincia di Cremona. L’area dell’ecomuseo può essere percorsa, esplorata e goduta da ogni genere di fruitore, purché responsabile e consapevole: la struttura è facilmente accessibile al pubblico grazie ad un’apposita segnaletica sulle strade, ad una funzionale e mirata cartellonistica, alle piazzole di “sosta istruttiva”, alle siepi e ai boschetti didattici, alle tabelle toponomastiche e idronomastiche commentate.

I nuclei territoriali sono un campo d’indagine privilegiato per il mondo della scuola e un’area per la sperimentazione di interventi ambientali e per studi di livello superiore volti alla conoscenza e alla riscoperta del patrimonio locale.

I nuclei individuati sono diffusi in tutta la provincia. Per alcuni di essi sono stati predisposti dei Quaderni, scaricabili QUI

  • Nucleo 1 – Il nodo idraulico delle Tombe Morte;
  • Nucleo 2 – La strada romana Mediolanum – Cremona;
  • Nucleo 3 – L’insediamento urbano di San Rocco di Dovera;
  • Nucleo 4 – I prati del Pandinasco;
  • Nucleo 5 – Ambienti umidi artificiali: le cave d’argilla;
  • Nucleo 6 – Le centrali idroelettriche di Mirabello Ciria e alla Rezza;
  • Nucleo 7 – I fontanili di Farinate;
  • Nucleo 8 – Le vallecole d’erosione di Credera-Rubbiano e Moscazzano;
  • Nucleo 9 – Il pianalto di Romanengo;
  • Nucleo 10 – L’azienda agristuristica;
  • Nucleo 11 – Un modello di allevamento sostenibile;
  • Nucleo 12 – Attività produttive ecocompatibili;
  • Nucleo 13 – I bastioni di Pizzighettone e il territorio rurale circostante;
  • Nucleo 14 – Il monumento naturale dei Lagazzi di Piadena;
  • Nucleo 15 – La golena padana e il fenomeno dei bodri;
  • Nucleo 16 – Gli argini del Po.
  • Nucleo 17 – Le lanche fluviali del Po.
  • Nucleo 18 – L’impianto di sollevamento di Isola Pescaroli e la bonifica integrale.
  • Nucleo 18 – I campi baulati del Casalasco.
  • Nucleo 20 – La navigazione fluviale e i traghetti del Po.

Il progetto il territorio come ecomuseo si arricchisce degli spazi espositivi della Cascina Stella– una tipica cascina cremonese all’interno del Bosco didattico di Castelleone, ristrutturata dalla Provincia di Cremona e divenuta sede espositiva del museo laboratorio del paesaggio padano.

La struttura è stata ideata per fornire un chiaro strumento di comprensione delle dinamiche evolutive e dei processi fisici e naturali, che insieme alle trasformazioni antropiche, hanno portato alla formazione del paesaggio contemporaneo.
Il percorso è indirizzato a un pubblico vario (purché curioso!), ma è dedicato soprattutto al mondo della scuola, con particolare attenzione alle scuole primarie e secondarie di primo grado; dall’anno scolastico 2009-2010 vengono proposte offerte didattiche focalizzate su diverse tematiche inerenti il territorio ed i molteplici aspetti che concorrono a disegnarne i lineamenti.
Le visite verranno svolte da personale preparato, e potranno essere adattate ai particolari interessi ed alle capacità di apprendimento delle classi interessate.
Per informazioni sul progetto e per prenotare visite, fare riferimento alla sezione Contatti di questo sito.

Approfondimento: Il territorio come ecomuseo, dichiarazione d’intenti della Provincia di Cremona.

Approfondimento: Il territorio come ecomuseo, significato di un titolo.

*****

Altri siti

Annunci
Categorie: ambiente, iniziative | Tag: , , , | 1 commento

Navigazione articolo

Un pensiero su “L’ecomuseo della Provincia di Cremona

  1. Pingback: Anello gerundo | HaiVolutoLaBici?

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

Blog su WordPress.com.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: